Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

recitare. Si avvicina più al modo in cui tutti noi siamo leggermente diversi con certe persone

piuttosto che con altre.

In certi casi però i personaggi sono più artefatti ed esasperati: nella fascia oraria prima del sig. Z. su

Kfi c'è il Phil Hendrie Show, un tipo di meta-talk-radio. Phil Hendrie invita qualche ospite

spudoratamente offensivo e che ascolta per la prima volta o per caso telefona in radio e si mette a

litigare con gli ospiti, arrabbiandosi e agitandosi molto. In realtà gli ospiti non esistono, le loro voci

sono fatte da Hendrie stesso con l'aiuto di un microfono e un tecnico, e il vero intrattenimento del

programma sta in quelli che chiamano. Il vero pubblico di Hendrie, consapevole dello scherzo, si

diverte a sentire quelli che chiamano diventare sempre più scandalizzati.

Una grossa parte del personaggio di John Ziegler consiste nel non averne uno. Parte della sua

introduzione a se stesso e al programma è: “la chiave del John Ziegler Show è che sono quasi

completamente vero. Quasi ogni show comincia con il credo <<Questo è il programma in cui il

conduttore dice quello che pensa e pensa quello che dice>>. Io non mi invento le mie opinioni né

esagero le mie storie solo per suscitare un dibattito più animato in trasmissione”.

Questo, probabilmente una conseguenza del tempo passato nel mattatoio delle piccole radio, a Los

Angeles viene interpretato come una mossa astuta e sofisticata di meta radio, permettendogli di

originare un contrasto con la voce di altri conduttori, come John Kobylt, la cui voce è simile alla sua

per tono e timbro.

Quanto ai resoconti dell'Arbitron per l'inverno 2004, Kfi Am-640 è diventata l'emittente di talk-

radio n.1 del Paese (target 25-54 anni). Ha la seconda quota di mercato più alta di qualsiasi

stazione radiofonica di Los Angeles. In un solo anno è passata da 18° a 7° stazione con le tariffe più

alte del Paese.

Gran parte del successo è attribuito alla sig.na Robin Bertolucci, direttrice della

programmazione portata da Denver poco dopo l'acquisto di Kfi da parte di Clear Channel. Ha fatto

un restyling di identificativo, sigla, sound e sensazione generale di aggressività, ha aiutato i

presentatori ad affinare i loro personaggi e creare uno stile distintamente Kfi-esco.

Ogni mercoledì pomeriggio, Bertolucci si incontra con Ziegler per dare uno sguardo alla settimana

passata e parlare dell'andamento del programma. Lei è l'unico motivo per cui lui si trova lì, è il suo

capo, e lui è nervoso in sua presenza.

[E' stata la sig.na B a convincere i sommi dirigenti dell'esperimento di un programma in studio e

del suo commentatore].

[Arbitron Inc. è un servizio di indagine statistica su base giornaliera, è grosso modo il Nielsen

della radio statunitense. È un servizio a pagamento: le stazioni radiofoniche devono abbonarsi per

poter essere incluse, e devono esserlo, perchè in pratica è il Registro Arbitron a determinare le

tariffe che si possono chiedere agli inserzionisti.

In realtà, quasi tutti ne parlano come “Arbitrario”: si basa al 100% sui sondaggi giornalieri, e quesi

sono notoriamente aleatori, dato che moltissimi soggetti non li compilano in tempo reale ma a

posteriori, cercando di compilarli a memoria. Inoltre certe minoranze etniche sono mal- o

soprarappresentate, perchè la Arbitron ha difficoltà a reclutarle come soggetti, e quando ne becca

qualcuna tende a tenersela stretta settimana dopo settimana].

Una delle cose di cui Ziegler discute con la sig.na Bertolucci è se il presentatore deve concepire la

sua trasmissione più come un programma unico di tre ore (come vorrebbe lui) o come tre

programmi distinti da un'ora l'uno (come suggerisce lei). La differenza sta che se si considerano tre

programmi distinti, è accettabile un certo livello di ripetizione.

Uno dei motivi del recente successo di Kfi è la fusione quasi totale tra notizie e intrattenimento. Un

processo penale è un prodotto dell'intrattenimento tanto quanto una canzone delle Top40. Questo

spiega perchè il giornale radio trasmesso 2 volte l'ora (sempre corto e intessuto di promo) si

concentra tanto sulle storie più raccapriccianti e scandalistiche.

Ziegler e il suo produttore, Emiliano Limon, vedono diversamente il ruolo delle notizie e

dell'informazione vs. la roba personale attinente al personaggio del John Ziegler Show.

Secondo Limon, Kfi presenta 2 epoche distinte:

la precedente, quando si concentrava sull'opinione personale;

– la attuale, in cui le informazioni vanno al primo posto.

Secondo lui la funzione principale di Kfi è di fornire “una specie di sommario esecutivo delle notizie

del giorno” per l'ascoltatore indaffarato.

Però Ziegler la pensa diversamente: “all'inizio volevamo fare una trasmissione per lo più

informativa, adesso tentiamo di spostarci un po' di più verso il mio personaggio”; il che, visto che si

vanta di non avere un personaggio, significa roba su di lui, le sue esperienze, vedute politiche e

culturali. [Robin Bertolucci vuole che il programma si concentri sulle informazioni ma vuole che

abbiano un taglio pesantemente personale e che siano infuse di grinta e aggressività. Quindi

approva che Ziegler parli molto di sé. Invece Limon lo vede come un sistema antiquato che di certo

non interesserà al pubblico di Los Angeles].

3.

Le origini delle talk-radio politiche contemporanee si possono ricondurre a 3 fenomeni degli anni

'80:

1_ Lo strangolamento delle stazioni musicali Am da parte delle Fm, che potevano

trasmettere la musica con una fedeltà molto maggiore per le frequenze alte e basse. La voce umana

invece ha un registro medio e non richiede l'alta fedeltà, quindi proliferano i format parlati sulle

bande Am degli anni '80, offrendo anche una nuova carriera a certi dj musicali i cui personaggi

ciarlieri mal si adattavano all'ethos la-musica-e-basta delle Fm.

2_ La revoca della cosiddetta “Dottrina dell'imparzialità”, verso la fine del secondo

mandato di Ronald Reagan (1987). Questa regola, fissata nel 1949 dalla Fcc, era tesa a ridurre al

minimo ogni possibile limitazione della libertà di parola provocata dall'accesso ristretto ai mezzi di

informazione: fra le condizioni per ottenere la licenza di trasmissione dalla Fcc, una stazione

doveva “dedicare una ragionevole attenzione alla copertura di questioni controverse di pubblico

rilievo”, quindi offrire agli opposti schieramenti l'opportunità di esprimere il loro punto di vista.

La sua revoca rientrava nella deregolamentazione dell'era reaganiana, mirata a sbrigliare le attività

produttive dalle interferenze del governo e a lasciarle competere liberamente nel mercato. Invece la

vecchia logica rooseveltiana della Dottrina era che poiché l'etere appartiene a tutti, la licenza a

trarne profitto conferiva all'industria radiofonica il particolare obbligo di servire l'interesse

pubblico (anche per le stazioni commerciali).

Dopo il 1987, la radio è diventata un'industria come tutte le altre, la cui responsabilità è attrarre e

tenersi gli ascoltatori per generare profitto.

3_ La distribuzione a livello nazionale del Rush Limbaugh Show, seguita alla revoca della

Dottrina dell'imparzialità. Limbaugh è un commentatore di talento e carisma straordinari, il cui

programma presenta un misto di notizie, intrattenimento e analisi faziose che è diventato poi un

modello per schiere di imitatori. [Adesso una stazione radiofonica poteva mandarlo in onda senza

essere costretta a mettere in programmazione un numero uguale di ore di trasmissioni di sinistra

per controbilanciare]. Inoltre, Rush è stato il primo grande fautore dell'idea del Condizionamento

liberale dei principali mezzi di informazione (Clpmi). [Rush disprezzava la stampa liberale, ed è

riuscito a trasferire la sfiducia di parte nei confronti dei “mezzi di informazione liberali

mainstream” nello stesso mainstream]. Il concetto di Clmpi funzionava al contempo come

stendardo attorno al quale il pubblico poteva raccogliersi, come articolazione del bisogno di uno

strumento di informazione di destra (cioè non condizionato) e come meccanismo grazie al quale si

poteva liquidare ogni critica o confutazione di idee conservatrici (in quanto condizionate o prodotte

dall'indottrinamento per mezzo di strumenti di informazione condizionati). Quindi perpetuare

l'insoddisfazione dei conservatori verso le fonti di informazione esistenti, ed è tale insoddisfazione

che va a cementare il vasto e fedele pubblico delle talk-radio politiche.

[Una teoria è che l'unico motivo determinante per cui gli esperimenti di talk-radio di sinistra

difficilmente avranno successo è che il loro potenziale pubblico non è abbastanza insoddisfatto

delle odierne fonti di informazione mainstream da avvertire il bisogno di patrocinare una fonte

alternativa di informazioni per sentire la verità non condizionata].

Il sig. Ziegler è fiero del suo umorismo in trasmissione. La sua critica dei media è spesso intessuta

di spiritosaggini, di battutine a tono che vengono catalogate “Zieglerismi” nel suo sito Internet di

Kfi. È anche capace di esibirsi in numeri lunghi, come un finto discorso di laurea per la Classe del

2004 in cui esibisce la propria visione cinica del mondo.

Segue del materiale ufficiale preso da una cronologia autobiografica costruita da John Ziegler a fine

maggio 2004.

1967-89 – Il sig. Ziegler cresce in una zona residenziale vicino a Philadelphia, figlio maggiore di

un direttore finanziario e di una casalinga. Dopo il liceo intraprende degli studi umanistici a

Georgetown, giocando anche nella squadra di golf del college.

1989-95 – La sua carriera parte dagli sport delle Tv locali. Anche se il giornalismo sportivo è

quello che voleva fare sin da bambino, detesta questi lavori: <<Tutto il mondo dello sport e dei

giornali locali è uno schifo... i telegiornali locali sono mezzo gradino sopra la prostituzione>>.

1994-95 – Periodo buio. Nell'estate '94 l'ex moglie di O.J. Simpson viene brutalmente assassinata.

Nell'autunno '94 la madre di Ziegler muore in un incidente d'auto [è probabile che il cinismo con

cui tratta le donne derivi dalla prematura perdita della madre]. Nell'inverno '95, durante il suo

notiziario sportivo, Ziegler fa <<una battuta assolutamente innocua sulla scarsa innocenza di O.J.

Simpson>> relativamente all'assassinio della moglie, suscitando le proteste della comunità nera

locale. Alla fine Ziegler viene licenziato da Wlfl Fox 22 perchè la stazione <<ha ceduto al

Politicamente corretto>> (Pc), e questo segna l'inizio di:

profondo odio di Z. per ogni forma di Pc;

– <<la mia storia con O.J.>>: decide di abbandonare i programmi sportivi e passa le giornate

– a guardare il processo Simpson alla Tv via cavo; quando alla fine O.J. Viene assolto <<ero

sull'orlo del suicidio>>. Viene convinto da amici psichiatri a prendere antidepressivi, era

ossessionato dalla vicenda.

Fine '95 – Il sig. Z. immaginando che la sua <<natura controversa avrebbe funzionato meglio alla

radio>>, trova lavoro come commentatore tappabuchi durante il fine settimana per una stazione

locale nel North Carolina, <<la peggior emittente di talk-radio del pianeta>>. Venne licenziato

all'improvviso quando la stazione passò a un format automatizzato di musica cristiana.

Inizio '96 - <<Comprai, letteralmente, dei minuti su una stazione di talk-radio di Raleigh>> per

cominciare a <<mettere insieme un nastro>> [Un nastro è l'equivalente per radio/Tv del portfolio

di un'artista]. È bravo e nel giro di poco lo assumono come commentatore pagato. Poi però il

consulente di programmazione gli ordinò di fare una puntata su come era stato licenziato dalla Tv;

lui la fece, ripetendo quindi la battuta innocua su O.J., e a causa di ciò lo stesso consulente lo

licenziò.

1996-97 – Viene assunto a Wwtn, un'emittente di talk-radio di Nashville, dove tiene un

programma serale con buoni indici d'ascolto. Ma nel 1997 Tiger Woods, di cui lui è grande fan,

vince il Masters e Ziegler, come parte del suo commento sul torneo, teorizza che Tiger è la prova

vivente del fatto che <<non tutti i bianchi sono razzisti. Nessun bianco penserebbe a Tiger come a

un negro>> perchè i bianchi sanno distinguere <<fra quelli che per caso sono nati neri e quelli che

si comportano da negri>>. Decise di pronunciare la parola “negro” perchè gli dava sui nervi

quando ci si riferiva come “la parola che inizia con la N”: si dava troppo potere alla parola, e poi è

ipocrita che i neri la possono usare e i bianchi no. Quando ripete la stessa parola anche per il pugile

Mike Tyson viene licenziato.

1998-99 – Lavora come tappabuchi del mattino a Wlac di Nashville, i cui studi si trovano di fronte

alla stazione da cui è stato appena licenziato. Da lì viene assunto per fare le nottate a Wwdb,

un'emittente di talk-radio Fm di Philadelphia; viene licenziato all'improvviso per lasciare spazio al

programma del maestro di oscenità Tom Leykis, poi è riassunto quando il programma viene

cancellato per le lamentele del pubblico, e infine licenziato una settimana dopo, quando la stazione

gira di nuovo palinsesto.

2000 – Passa alla Wip, una famosa emittente di commento sportivo di Philadelphia, dove c'è un

problema generale e uno specifico. Quello generale è che <<il capo è un uomo cattivo>>. Quello

specifico insorge quando <<Mike Tyson fa una conferenza stampa e si autodefinisce negro. E io

non posso resistere. Così racconto la storia di quando ho usato quella parola e mi hanno licenziato

in trasmissione, però non uso la parola che comincia per N – la dico lettera per lettera

[Pronunciare una parola offensiva lettera per lettera è quasi peggio che pronunciarla e basta,

perchè fa pensare che chi si sente offeso dalla parola è anche troppo cretino per sapere come si

scrive]. E ci arriva una cartolina da un nero completamente pazzo>>, il suo capo gli da del razzista

e viene licenziato.

[Ziegler non è razzista, ma è molto insensibile, incapace di distinguere tra:

1. acquiscenza codarda e ipocrita nei confronti della tirannia del Pc;

2. cautela giudiziosa e compassionevole nell'usare parole che feriscono vasti gruppi di esseri

umani.]

[I continui licenziamenti hanno comportato continui traslochi, ricerche di case e polemiche.

Ritiene che tutto ciò gli abbia rovinato la vita, impedito di avere amici, moglie e figli. Il suo senso di

dolore sembra genuino, ma è anche vitale per i commentatori di talk-show politici in generale

questo senso di essere perseguitati e assediati, perchè alimenta il perenne conflitto fondamentale

per i racconti avvincenti e la radio stimolante. La sua rabbia e autocommiserazione sono vere, ma


ACQUISTATO

22 volte

PAGINE

8

PESO

110.60 KB

AUTORE

kiabori

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Comunicazione, Media e pubblicità
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kiabori di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Laboratorio di comunicazione radiofonica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Libera Università di Lingue e Comunicazione - Iulm o del prof Bonini Tiziano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Laboratorio di comunicazione radiofonica

Riassunto esame Laboratorio di Comunicazione Radiofonica, prof. Bonini, libro consigliato La Radio in Italia
Appunto
Riassunto esame Laboratorio di Comunicazione Radiofonica, prof. Bonini, libro consigliato Chimica della Radio di Bonini
Appunto
Domande e risposte d'esame Laboratorio di comunicazione radiofonica
Esercitazione
Riassunto esame Comunicazione Radiofonica, Bonini, libro consigliato La radio in Italia, Bonini
Appunto