Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ESTREMITA’ MENO (-): è quella in cui la crescita e l’accorciamento sono più lenti.

- Termina con α-tubulina.

La lunghezza del microtubulo o filamento di actina è data dall’equilibrio delle due estremità.

Allungamento del filamento

Si ha quando il ΔG (variazione dell’energia libera) è minore di 0 e si ha quando la

concentrazione di subunità in soluzione supera la concentrazione critica Cc.

Disassemblaggio del filamento

Si ha quando il ΔG (variazione dell’energia libera) è maggiore di 0 e si ha quando la

concentrazione critica Cc in soluzione supera la concentrazione di subunità.

IDROLISI DELL’ATP o DEL NUCLEOTIDE

Subunità di tubulina legano GTP e ne catalizzano l’idrolisi. Dopo l’incorporazione di

tubulina nel filamento si ha idrolisi del GTP e la liberazione di energia.

Maggiore è il tempo che le subunità hanno passato nella struttura del polimero,

• maggiore è la probabilità che il loro nucleotide venga idrolizzato

Presenza di subunità in forma T e D all’estremità del filamento

Nella subunità meno abbiamo meno idrolisi; nella subunità più invece abbiamo una

maggiore idrolisi: il filamento si accrescerà dunque in maniera molto più veloce della meno.

E’ una conseguenza del fatto che è polare.

Cc(T) < Cc (D)

Ci sono fenomeni che derivano dall’idrolisi del nucleotide nei microtubuli e nei filamenti di

actina:

TREADMILLING: L’estremità D ha una maggiore tendenza di di assemblaggi, mentre

 l’estremità T ha una maggiore tendenza all’assemblaggio. Ad una determinata

concentrazione di subunità, la crescita del filamento all’estremità + è esattamente

bilanciato all’accorciamento dell’estremità - .

INSTABILITA’ DINAMICA: La perdita del cappuccio di GTP fa incurvare i

 protofilamenti e quindi facilita il disassemblaggio. L’aggiunta di subunità contenenti

GTP permette la crescita dell’estremità in una conformazione lineare, mentre questa è

curva se si aggiunge la subunità con GDP meno adatta a stiparsi nel microtubulo e alla

polimerizzazione.

Entrambi questi fenomeni promuovono la rapida organizzazione del citoscheletro. Si

verificano sia nei microtubuli che nei microfilamenti. Richiede dispendio di energia

mediante idrolisi del nucleotide associato alle subunità di tubulina e actina.

La plasticità delle cellule è importante perché la cellula in ogni momento è pronta a

cambiare la sua forma.

MICROTUBULI

Polimerizzazione della tubulina.

MTOC: CENTRO DI ORGANIZZAZIONE DEI MICROTUBULI, in prossimità del nucleo.

Oltre alle α e β tubulina, ci sono anche le γ-tubulina che permettono la nucleazione per

formare una struttura del complesso ad anello di γ-tubuline da cui si originano gli α e β-

tubuline. Tutto questo avviene a livello del CENTROSOMA, una struttura costituita da

materiale elettrondenso in cui sono immersi i CENTRIOLI che si dispongono

perpendicolarmente. Qui parte la polimerizzazione di tubuli ed è formato da siti nucleotidici.

L’estremità meno del microtubulo è immersa nel centrosoma per comporre una struttura

radiale.

Proteine associate ai microtubuli:

MAP2: che lega due microtubuli e stabilizzano i microtubuli (evitano che si formi

- l’arrotolamento)

TAU

- CHINESINA 13, invece destabilizza

-

Funzioni microtubuli

FUSO MITOTICO

× ASSONEMA DELLE CIGLIA E DEI FLAGELLI

× ASSONE DEI NEUROTUBULI

× POSIZIONE DEGLI ORGANELLI CELLULARI

× TRASPORTO INTRACELLULARE

×

FILAMENTI DI ACTINA

Polimerizzazione dell’actina.

Abbiamo il complesso delle proteine ARP in particolare ARP2 e ARP3. In situazioni di

riposo esse sono associate a proteine associate che non fanno attivare la polimerizzazione. In

seguito al rilascio di un fattore di aggregazione che fa staccare l’ARP2 e l’ARP3 che

permette la nucleazione dell’actina per formare il filamento.


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

6

PESO

81.63 KB

AUTORE

vipviper

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

L'appunto parla delle specializzazioni morfologiche che gli epiteli hanno adottato per essere 'quello che sono', in particolare del citoscheletro:
- Citoscheletro
- Polarità delle cellule
- Specializzazioni della superficie laterale: GIUNZIONI CELLULARI
- Specializzazione della superficie basale: MEMBRANA BASALE
- Specializzazioni del dominio basale della membrana cellulare
- Specializzazioni della superficie libera delle cellule epiteliali


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in biotecnologie
SSD:
Università: L'Aquila - Univaq
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vipviper di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Citologia, istologia ed embriologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università L'Aquila - Univaq o del prof Teti Anna Maria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Citologia, istologia ed embriologia

Tessuto ghiandolare
Appunto
Tessuto epiteliale
Appunto
Ghiandole endocrine e sistema endocrino
Appunto
Fegato
Appunto