Che materia stai cercando?

Appunti lezioni Jane Eyre

Appunti di cultura e letteratura inglese su Jane Eyre che sono basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della professoressa Perletti dell’università degli Studi di Trento - Unitn, facoltà di Lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Cultura e letteratura inglese docente Prof. G. Perletti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Dei filosofi vittoriani iniziano a interrogarsi sulle paure notturne dei bambini e pensare agli sviluppi che queste

potrebbero avere nella crescita del bambino. Queste paure vengono studiate perché vengono definite

immaginazioni disturbate e disturbanti (l'attività immaginativa eccessiva che caratterizza in bambini è

potenzialmente pericolosa).

• Charles West, Lecture on the Diseases of Infancy and Childwood

◦ 1848 prima edizione in cui West da una spiegazione fisiologica – i bambini digeriscono male e

quindi hanno questi incubi

◦ 1854 seconda edizione in cui West da una spiegazione psicologica – questi disturbi sono

riconducibili ad un malfunzionamento delle più alte funzioni del cervello.

PASSAGGIO IMPORTANTE → INCUBI NOTTURNI= DISTURBI DELL'IMMAGINAZIONE

• Chrichton Browne – Molti casi di insanità infantile sono originati da storie di paura che influenzavano i

bambini – (Bessie's tales)

• West: “the intellectual powers are imperfectly developed the feelings and impulses are stronger, or at

least less under control, than they become tith an advancing years – i sentimenti e gli istinti sono più forti delle

facoltà mentali o comunque meno sotto controllo rispetto a quando crescono. I disturbi mentali

(cerebrali→follia) si dimostrano nel carattere incontrollabile di quegli stimoli a cui è sottoposto.

La vita del bambino è istintiva ed impulsiva e, se non controllata, porta a disturbi mentali. Gli incubi notturni

sono proprio un esempio di disturbi mentali – il medico deve sorvegliare le paure infantili prima che diventino

incurabili (il medico invita i genitori a controllare i bambini e riportare eventuali strani comportamenti)

Quello che accade nella red room è qualcosa da cui Jane dovrà allontanarsi se non vorrà diventare come Bertha.

Esempio di gothic e non-gothic=

- Jane è spaventata dalla luce e non dal buio.

- Jane si guarda allo specchio e non si riconosce subito, le sembra un fantasma

- Sviene 2 volte: alla fine del racconto della red room e quando vede Bertha allo specchio e non la riconosce.

Riflesso di se stessa allo specchio = apparizione bianca che

All looked colderand darker in that visionary buca l'oscurità → nella sua immaginazione quella figura

hollow than in reality:and the strange little figure somigliava a una di quelle creature fantastiche di cui parlava

there gazing at me,with a white face and arms specking Bessie.

the gloom, and glittering eyes of fear moving where all

else was still, had the effect of a real spirit: I thought Menzione dei racconti di Bessie che ci preparano al

it like one of the tiny phantoms, half fairy, half racconto della red room.

imp, Bessie's evening stories represented as

coming out of lone, ferny dells in moors, and Situazione perturbante= vedere qualcosa di familiare, ma

appearing before the eyes of belated travellers. non riconoscerlo

Gothic

My heart beat thick, my head grew hot; a sound Reazione fisiologica alla paura che, attraverso un'accurata

filled my years, which I deemed the rushing of wings; descrizione, serve anche a scatenare paura nel lettore.

something seemed near me; I was oppressed, suffocated:

endurance broke down; I rushed to the door and shook

the lock indesperate effort. [...] Climax crescente= aumenta e accumula sempre più le

sensazioni per aumentare il senso di fisiological horror.

Strutture paratattiche – proposizioni tutte sullo stesso piano.

Non c'è un preciso senso logico = Jane bambina che non sa

soon after she[Mrs Reed] was gone, I suppose I esprimersi nella maniera più corretta

had a species of fit: unconsciousness closed the Il gotico aggiunge dei particolari al contenuto già esistente.

scene. Ha avuto un episodio molto violento, incontrollabile e la

scena si chiude inconsciamente – ha perso i sensi.

Nel momento in cui si sviene, si è di fronte al fatto che la

propria attività mentale sia dominata dall'incontrollabile.

16.03.17

Per i Vittoriani è molto importante capire l'altro sé che abita la mente → iniziano a studiare il sonno, il

sonnambulismo, sperimentano il flusso magnetico.

I Vittoriani sono interessati, ma anche spaventati da questa alterità che abita la nostra mente

è sia il mio sé più intimo perturbante

è sia un sé incontrollabile

volere VS coscienza

Idea della luce → deviazione rispetto alla tradizione gotica dove ci si spaventa per l'oscurità

→ deviazione rispetto alla tradizione romantica

→ il soprannaturale deriva dalla mente umana, non dall'esterno

Jane's vision are an instance of the uncanny

Visione reale confusa con l'immaginazione → incapacità di distinguere ciò che è reale e ciò che è immaginario

Luce che spaventa Jane nella red room è tipica del romanticismo:

→il poeta romantico, quando crea, si avvicina ad un'immaginazione trascendente o divina, la quale può

riformulare la realtà facendo un atto quasi divino → questa lampada illumina l'idea del poeta

→ l'immaginazione di Jane crea una luce che da vita a degli spettri o dei fantasmi, non conferma l'ego di Jane,

ma la distrugge.

Chapter 11 Jane Eyre and Gothic: thornfield

- “ ”→casa tipica di ambienti gotici

candle-light gleamed from one curtained bow-windor; all the rest were dark

- “ the staircase window was high and latticed; both it and the long gallery into which the bedroom doors opened looked as

if they belonged to a church rather than a house. A very chill and vault-like air pervaded the stairs and gallery, suggesting

” → somiglia tanto a quei castelli cripte della narrazione gotica, solenne ma

cheerless ideas of space and solitude

misterioso

- Jane receives an “eerie impression” →Jane ci fa vedere bene la sua capacità di padroneggiare nella narrazione.

Each new chapter is like a new scene at the theatre (narratore realista che utilizza anche un sottotesto gotico

- Mrs Fairfax“ no one ever sleeps here: one would almost say that, if there were a ghost at Thornfield Hall, this would be

[...]

its haunt it is said the Rochesters have been rather a violent than a quiet race in their time: perhaps, though, that is the

reason they rest tranquilly in their graves now” → si dice che i Rochesters fossero violenti, quindi riposano in pace

(affermazione contraddittoria)

Jane

- : “the laugh was as tragic, as preternatural a laugh as any I ever heard; and, butmthat it was high noon, and that no

circumstance of ghostliness accompanied the curious cachinnation;mbut that neither scene nor season favoured fear, I

should have been superstitiously afraid. However,mthe event showed me I was a fool for entertaining a sense even of

se non fosse stato che era pieno giorno, che non c'erano circostanze spettrali, la risata era da

surprise” →

collegare a questa domestica eccentrica mi dimostrò che ero stata una sciocca a spaventarmi.

L'uso del gotico serve per aggiungere un livello interpretativo= la narrazione gotica interviene per supplementare

ciò che la narrazione non riesce ad esprimere.

Chapter 12 – Jane Eyre and Gothic: meeting Rochester

-“Nobody knows how many rebellions besides political rebellions ferment in the masses of life which people earth. Women

are supposed to be very calm generally: but women feel just as menmfeel; they need exercise for their faculties, and a field

for their efforts, as much as their brothers do; they suffer from too rigid a restraint, too absolute a stagnation, precisely as

men would suffer; and itmis narrow-minded in their more privileged fellow-creatures to say that they ought to confine

gli uomini dicono che le donne dovrebbero limitarsi a fare

themselves to making puddings and knitting stockings.” →

pudding e rammendare le calze – prigionia dentro la casa in opposizione alla possibilità di esercitare le proprie

capacità. Jane vorrebbe una parità tra uomini e donne. Tutte le donne che vivono a Thornfield sono tutte uguali,

sullo stesso piano.

Prima compare il cagnolino, successivamente arrivano il cavaliere a cavallo, il cavallo si ferisce e Rochester

cade da cavallo, l'eroe è costretto a farsi aiutare dalla damigella. 17.03.17

Necessità di analizzare i vari livelli del romance per trovare la giusta interpretazione:

Contenuto esplicito: parità tra uomo e donna

Contenuto implicito: oppressione gotica e l'oppressione delle donne che vivono dentro Thornfield. Il testo vuole

mostrarci quanto l'orrore sia quotidiano e abbia a che vedere con delle politiche di potere (in questo caso di

genere) di cui Thornfield è uno dei simboli più importanti. In quanto donna, Jane è vicina a Bertha.

La narrazione gotica interviene anche nell'incontro tra Jane e Rochester (si incontrano nella foresta buia e

misteriosa). Anche l'inizio della loro relazione amorosa ha qualcosa di gotico, a partire dall'atmosfera.

C'è un ribaltamento dei ruoli canonici: la damigella salva il cavaliere. Anche il romance è potenzialmente

pericoloso per la soggettività di Jane – per Jane è importante la libertà di agire-la relazione amorosa mette in crisi

la possibilità di agire liberamente (cap. 24 in cui Rochester cerca di affermare il suo volere di conquistare Jane,

ma lei resiste perché la sente come una sopraffazione).

Il testo letterario è dotato di più livelli di significazione che mettono in discussione diversi punti di vista –

l'utilizzo del gotico aggiunge dei livelli di significazione.

Formazione di Jane Eyre per scongiurare i pericoli della red room:

An autobiography= the subject is also Jane's growing up and instruction. She learns to control her imaginative

activity, it wasn't necessary to have a full control of mental processing, but she had to regulate her mind.

In the red room she confronted with an other.

Jane's growing up is a training of her mind that she did drawing and focusing her mind on one tasktopic of her

life – tenere a bada la distrazione amorosa che impara da Helen. Si da questo compito: she draw an unattractive

governant and the perfect wife

drawing (ch. 16): “I derived benefit from the task: it had kept my head and hands employed, and had

given force and fixedness to the new impressions I wished to stamp indelibly on my heart”

Memory, in Victorian culture was a problematic mental activity.

Jane applied the self-help philosophy to regulate of her mental activity. Self-help is a middleclass ideology

because it promotes the moving up into best social class.

Reading that Rochester told to Jane: “The forehead declares, ‘Reason sits firm and holds the reins (...). The

passions may rage furiously, like true heathens, as they are; and the desires may imagine all sorts of vain things;

but judgement shall still have the last word” (ch. 19) [physiognomy/phrenology]

Rochester si traveste da zingara e guarda individualmente ogni donna che fa parte della compagnia – vede anche

Jane – e c'è questo dialogo, alla fine del quale c'è la proposta di matrimonio a Jane.

Rochester cerca di estorcere informazioni a Jane facendole dire che lo ama, Jane non lo fa, così cerca di

analizzarla attraverso la fisiognomica (studia le espressioni di Jane per leggere la personalità)

In Inghilterra attecchisce una variante della fisiognomica, la frenologia (possibilità di una mappatura delle

diverse aree del cervello, studio delle gobbette del cranio). La fisionomica è più astratta, la frenologia è più

concreta e scientifica perché propone uno studio oggettivo del cervello: a seconda di come è sviluppato il cranio,

un'area è più sviluppata dell'altra e di conseguenza la personalità è diversa.

La frenologia era considerata proprio una scienza nell'epoca Vittoriana.

Jane Eyre è pieno di riferimenti alla frenologia, Jane tenta di leggere Rochester nel corso del romanzo (“L'organo

della benevolenza non era ben sviluppato”= lettura frenologica, la benevolenza era una delle facoltà mappate)

più avanti Rochester cerca di leggere Jane.

Questa pseudoscienza era molto diffusa, la stessa Charlotte era stata visitata e aveva conservato l'esito medico.

La frenologia fa parte della self-help philosopgy= fa parte di quei metodi che possono essere d'aiuto alle

personalità in difficoltà (es. Charlotte aveva una buona memoria, ma doveva lavorare sulla disciplina perché non

è costante) queste letture trovavano le carenze e suggerivano i margini di miglioramento in maniera pratica.

Nella cultura Vittoriana, era pratica usuale far fare un consulto frenologico per capire se i domestici erano onesti

oppure no

The forehead declares, ‘Reason sits firm and holds the reins (...). The passions may rage furiously, like

true heathens, as they are; and the desires may imagine all sorts of vain things; but judgement shall

still have the last word” (ch. 19) [physiognomy/phrenology]

La ragione avrà sempre l'ultima parola.

Metafora del cavaliere e del cavallo= Freud la riprende nella sua relazione super-ego e l'ess.

Jane regola la sua mente, ma nella red room l'unconscious prende il sopravvento.

Jane si riferisce a Rochester sempre con il termine 'master' perché è ciò che è: il suo signore, lui è il proprietario

di Tornfield

“My master’s colourless, olive face, square, massive brow [...] strong features, firm, grim mouth, - all energy,

decision, will [...] were full of interest, an influence that quite mastered me, - that took my feelings from my own

power and fettered them in his. [...] He made me love him” (ch.17)

La descrizione serve per evidenziare il fatto che Rochester non era convenzionalmente bello, ma faceva

trasparire la forza della sua responsabilità piuttosto del suo potere. Jane descrive questo interesse come

un'influenza che la padroneggiava. Quest'influenza prendeva I sentimenti di Jane e li portava via dal suo potere,

mettendoli in catene collegandoli a quelli di Rochester. - Relazione di potere non equal – Mi costringeva ad

amarlo.

Difficoltà di Jane di agire (agency) liberamente-non era libera di fare quello che credeva giusto-PROBLEMA.

Jane torna da Rochester solo quando lui non sarà più sposato e quindi potranno essere davvero equal e sarà

Rochester ad avere bisogno di lei.

The courtship chapter (24): a matter of ‘power’?

(chapter 27) – dopo la scoperta che Rochester era già sposato, Jane non sa cosa decidere – Se Jane restasse

rischierebbe di essere l'ennesima amante (Rochester ha avuto una serie di amanti), dovrebbe scendere a

compromessi con i suoi valori e proprio per questo Rochester non potrebbe amarla davvero.

Quando desiste a Rochester, Jane pronuncia questa frase“I will hold to the principles received by me when I was

sane, and not mad - as I am now”

Vuole fermarsi ai principi che aveva precedentemente ad essere diventata mad-pazza.

Quando Jane viene a sapere della situazione di Rochester, per un momento è incapace di descrivere cos'è bene e

cos'è male – per questo si definisce pazza.

Interviene un fattore ad aiutarla a scegliere di lasciare Tornfield: il suo libero volere, si raggiunge attraverso

diverse tappe → ritornare e ricucire il suo passato traumatico, ci sono dei momenti simbolici che la aiutano a

costruire la donna che è

Building Jane’s agency:

★ forgiving Mrs Reed → sta per morire, Jane ha un comportamento diverso e va nuovamente nella red room –

non è più un passionate child, ora è cresciuta ed è diventata una donna matura, non ha più paura

★ healing her memory of Lowood→da Lowood terrà solo l'esempio di Mrs Temple (ricuce le ferite del passato)

★ ‘re-writing’ the red room → riscrittura della red room – riscrittura della memoria come una capacità da

controllare= Jane diventa adulta quando è sicura di non soffrire più per le vecchie ferite.

Chapter 27 -Episodio che aiuta Jane a decidere di lasciare Tornfield → visione che accade di notte,

dormiveglia.

“I was transported in thought to the scenes of childhood: I dreamt I lay in the red-room at Gateshead (...). The light that

long ago had struck me into syncope, recalled in this vision, seemed glidingly to mount the wall, and tremblingly to pause

in the centre of the obscured ceiling. I lifted up my head to look: the roof resolved to clouds, high and dim; the gleam was

such as the moon imparts to vapours she is about to sever. I watched her come — watched with the strangest anticipation;

as though some word of doom were to be written on her disk. She broke forth as never moon yet burst from cloud: a hand

first penetrated the sable folds and waved them away; then, not a moon, but a white human form shone in the azure,

inclining a glorious brow earthward. It gazed and gazed on me. It spoke to my spirit: immeasurably distant was the tone,

yet so near, it whispered in my heart —

"My daughter, flee temptation."

"Mother, I will."

Sogna della red room, fa riferimento alla luce della lanterna che l'aveva terrorizzata (l'aveva interpretata come il

fantasma di Mr Reed), quella luce che l'aveva paralizzata, sembra salire il muro leggera e fermarsi tremante al

centro del soffitto scuro. La luna è sempre un beneficio nel romanzo, quella luce si trasforma prima nelle nuvole

e poi nella luna, una luna che fa dissolvere le nuvole e si pone come un agente chiarificatore. Guardò la luna

come se lì dovesse esserci scritto qualcosa riguardo il destino di Jane, dalla luna c'è la trasformazione di questa

visione: una mano che fa sparire le nuvole.

C'è la trasformazione di ciò che aveva visto nella red room= appare la visione di un viso celestiale e benevolo

che la fissava, questo spirito le parlò in modo amorevole e le disse 'figlia, fuggi dalla tentazione”, lei risponde

alla madre 'mother, I will” che sottolinea la capacità di Jane di decidere cosa fare e cosa non fare.

La luce era davvero un simbolo dell'eccessiva immaginazione di Jane, Jane non riusciva a controllare la sua

immaginazione e quindi non riusciva a controllare i suoi impulsi – impotenza(quando sviene, il sé inconscio

domina il sé conscio). Qua la luce diventa una visione romantica: visione ribaltata – visione benefica, al servizio

di Jane → grazie a questa visione, Jane riesce a prendere la decisione di andarsene = la visione è messa a

servizio della volontà di Jane. Da questa visione, non torna più indietro (nonostante la difficoltà in sé della

scelta) e questo sarà ciò che le permetterà di tornare da Rochester completamente diversa.

Jane non rimuove, non reprime l'attività irrazionale della mente, ma riesce a controllarla e renderla utile

all'attività razionale.

La stessa dinamica si vede alla fine del romanzo, quando avviene il grido di Rochester, momento molto

importante per la storia di Jane. Rochester cerca di convincere Jane a seguirlo in India e a sposarlo,

“I felt how, if I were his wife, this good man, pure as the deep sunless source, could soon kill me, without drawing from my

veins a single drop of blood” (ch. 35)

Jane cerca di resistere a St Jhon, ma St Jhon cerca di imporre le sue volontà su Jane (economicamente

indipendente), inizialmente lei riesce nel suo intento, ma successivamente le strategie di St Jhon iniziano a fare

effetto su Jane e sembra cedere all'influenza e al potere di St Jhon (faceva leva sul senso di potere), Jane entra in

uno stato di coscienza un po' alterato – come se lui la stesse ipnotizzando

“The one candle was dying out: the room was full of moonlight. My heart beat fast and thick: I heard its throb. Suddenly it

stood still to an inexpressible feeling that thrilled it through, and passed at once to my head and extremities. The feeling

was not like an electric shock, but it was quite as sharp, as strange, as startling: it acted on my senses as if their utmost

activity hitherto had been but torpor, from which they were now summoned and forced to wake. They rose expectant: eye

and ear waited while the flesh quivered on my bones” (ch. 35)

All'improvviso il cuore di Jane si fermò davanti un sentimento inesprimibile che la fece tremare da capo a piedi,

non era uno shock elettrico come il passaggio di elettricità, ma era comunque strana, acuta e sorprendente.

Questo torpore richiamava i sensi di Jane a risvegliarsi e balzarono aspettando qualcosa, Jane sente uno strano

pianto (Rochester) e risponde istintivamente “I'm coming”.

Questo pianto ha due significati: →sveglia Jane dall'influenza di St Jhon aiutandola a rifiutare le sue avance

→torna da Rochester quando lei è indipendente e lui è dipendente (Tornfield

non esiste più, è stato abbandonato dagli amici e dai suoi servitori ed è malato.

L'eroe salva l'eroina, ma successivamente l'eroina salva l'eroe.

L'elemento gotico e irrazionale viene messo a servizio di un movimento razionale e volitivo.

Non ci sono spiegazioni razionali alle visioni che ha avuto.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

9

PESO

1.20 MB

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue moderne
SSD:
Università: Trento - Unitn
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher carlottabellin1995 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Cultura e letteratura inglese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trento - Unitn o del prof Perletti Greta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Cultura e letteratura inglese

Appunti lezioni Frankenstein
Appunto
Storia della cultura ispanica - lezione terza
Appunto
Linguistica storica e glottologia
Appunto
Linguistica generale
Appunto