Che materia stai cercando?

Appunti, esercitazioni microanatomia

Appunti di anatomia umana basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Sforza dell’università degli Studi di Milano - Unimi, facoltà di Medicina e chirurgia, Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Anatomia umana docente Prof. C. Sforza

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ESERCITAZIONE 1: LINFATICO E ENDOCRINO

Ipofisi: organo parenchimatoso, capsula esterna, colore di diversa intensità, spazi ottici vuoti.

Nuclei molto addensati: epitelio ghiandolare. Cercare dotti escretori, non ci sono: ghiandola

endocrina. Cordoni. Parte chiara ha formazioni: tessuto nervoso. Parte intermedia. Presenza di

un vaso con epitelio pavimentoso semplice. Due zone simmetriche con diversa colorazione,

partendo da capsula esterna e andando verso centro, dove zona è più chiara, c’è stesso

tessuto ghiandolare disposto diversamente, diversità di colorazione, mai descrivere le

funzioni. Vasi con piccoli corpuscoli, si può immaginare che siano eritrociti, ma mai giudicare

dal contenuto perché microgoccia di sangue può essere andata in dotto.

Surrene si confonde con rene.

Tiroide: parenchimatoso, suddivisione connettivo, zone piene di colore rossastro, epitelio

ghiandolare a follicoli nella colloide, vasi si trovano sempre.

Linfonodo: parenchimatoso, partire da esterno per descrizione perché c’è capsula. Zona

corticale e zona midollare. Sotto parte connettivale c’è seno marginale. Ammassi di linfociti,

con organizzazioni sferiche sezionate. Parte midollare. Ingrandimento maggiore usato solo se

c’è bisogno. Possono chiedere microcircolazione di linfonodo e milza e differenza tra i due.

Milza: corpi tondeggianti, spazio ottico delimitato da qualcosa, connettivo esterno che si

approfonda con digitazioni in parenchima. Alcune caratteristiche presenti solo in una parte del

vetrino, quindi guardarlo tutto! Al centro di zone sferoidali sezionate c’è un vaso, un’arteriola,

arteriola penicillare caratteristica di milza, la vediamo o meno in base a piano di taglio. Si

trovano eritrociti e miocellule di muscolatura liscia.

Timo: organo parenchimatoso suddiviso in lobi e lobuli. Connettivo spesso non è colorato.

Spazi ottici vuoti, vasi, tessuto linfoide, andare a forte ingrandimento per conferma. Corpuscoli

di Hassall presenti in organo vecchio.

Tonsilla: cercare tipo di epitelio. Tonsilla palatina ha epitelio pavimentoso stratificato, tonsilla

faringea ha epitelio cubico stratificato.

ESERCITAZIONE 2: ORGANI CAVI APPARATO DIGERENTE

Esofago: cavità centrale, organo cavo con diversi strati, tonache sovrapposte, partire da lume

e andare verso esterno, mucosa, sottomucosa, muscolare, lume è stellato, spesso si trovano

due organi in stesso vetrino, esempio trachea e esofago, bisogna descrivere tutti e due. C’è

parte epiteliale che si sta sfaldando, verso interno c’è muscularis mucosae e più in basso zona

muscolare, fascetti muscolari a diverso orientamento, per quanto riguarda le ghiandole

bisogna andare a vedere se ci sono dotti, in sottomucosa ghiandole esocrine, decorso

differente di parte muscolare.

Stomaco: organo cavo, mucosa, sottomucosa, muscularis mucosae, parte muscolare, se non

vedo cavità passo in rassegna diversi tessuti che sono strati sovrapposti per capire di cosa si

tratta, in parte superiore c’è epitelio, in parte bassa c’è muscolo, parte epiteliale può essere a

contatto con aria quindi sarà dalla parte del lume, ghiandole tubulari semplici e connettivo

lasso, andare a vedere se ci sono ghiandole caliciformi mucipare, parte muscolare in stomaco

ha tre strati che sono circolare, obliquo, longitudinale, diverse possibilità di vedere ghiandole,

se si fa diagnosi di parte in cui siamo nello stomaco bene se no basta dire che è stomaco.

Duodeno: tonache sovrapposte, si ipotizza lume in parte concava, sembra che ci siano zone di

tessuto che navigano nel vuoto dalla parte del lume perché sezione colpisce zone più sopra e

più sotto, formazioni ghiandolari, formazione muscolare, per distinguere villo da ghiandola

tubulare semplice si sa che nel villo c’è sempre del connettivo, in duodeno ghiandole del

Brunner che sono esocrine tubulari composte, disposizione longitudinale e circolare di fasce di

muscolatura liscia.

Intestino tenue mesenteriale: ghiandole caliciformi mucipare, decorso di tonache muscolari.

Ileo: ci sono parti di villi, in intestino si trovano ammassi di linfociti che sono placche di Peyer.


PAGINE

2

PESO

15.06 KB

AUTORE

rot89

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (6 anni)
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher rot89 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia umana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Sforza Chiarella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia umana

Anatomia umana - muscoli: origine, inserzioni, azioni
Appunto
Anatomia umana - Appunti
Appunto
Anatomia umana - schema cranio: cavità, fosse, fori
Appunto
Riassunto esame Anatomia, prof Sforza, libro consigliato Anatomia Umana, Anastasi
Appunto