Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il  fondo  salva  stati  (ESM).  

È  una  società  veicolo  con  un  capitale  di  700  Mld  versati  da  4  Stati  secondo  certe  percenutali:    

Germania  =  27%,  Italia  =  18%,  Francia  =  20%,  Spagna  =  12%  

Il  suo  scopo  era  emettere   obbligazioni   sui   mercati   per   reperire   fondi   da   destinare   al   sostegno   dei   governi   o  

banche   in   difficoltà.   I   soldi   erano   messi   dagli   stati   attraverso   i   contribuenti   quindi   nacquero   subito   dei   vizi   di  

fondo  che  minarono  l’accordo  tra  i  vari  Stati  (“perchè  i  tedeschi  devono  pagare  dei  soldi  per  salvare  gli  impeigati  

greci  che  passavano  le  ore  di  lavoro  in  spiaggia?”).  

I  fondi  a  disposizione  vengono  impiegati  temporanemente  nell’acquisto  di  attività  liquide  di  alta  qualità  (rating  

non   inferiore   a   AA).   Tale   manovra   ha   dato   dei   vantaggi   sui   titoli   acquistati:   acquistando   obbligazioni   i   loro   prezzi  

salgono  e  i  renidmenti  scendono  (quindi  gli  Stati  possessori  dei  titoli  pagheranno  meno  interessi).    

L’ESM  può  fare  interventi  che  la  BCE  non  poteva  fare:  può  intervenire  sui  mercati  primari  o  secondari  dei  titoli  o  

erogare  fondi  per  ricapitalizzare  istituzioni  finanziari.  

 

L’atteggiamento  della  Bce.  

Nella   prima   fase   della   crisi   (agosto   2007-­‐agosto   2008)   sono   stati   usati   gli   usuali   strumenti   di   intervento,  

intensificando  il  ricorso  ad  operazioni  di  fine-­‐tuning  (ritirando  liquidità),  questo  perchè  la  BCE  era  vincolata  dal  

suo  mandato  ad  agire  cosí  e  perchè  a  livello  teorico  le  BC  non  devono  immettere  troppa  liquidità.  

Nella   seconda   fase   della   crisi   (settembre   2008-­‐settembre   2010)   comincia   a   usare   nuove   forme   di   interveto   e  

misure  non  convenzionali  (espansive).  

Dal   maggio   2010   a   causa   dei   vincoli   istituzionali   la   BCE   ha   dovuto   fornire   liquidità   alle   banche   perchè  

sostenessero  indirettamente  il  mercato  del  debito  sovrano.  

Per  effetto  della  crisi  di  liquidità  nel  mercato  monetario  la  BCE  ha  svolto  una  funzione  di  intermediazione  tra  gli  

operatori   che   in   precedenza   si   scambiavano   liquidità   sul   mercato   interbancario.   Le   difficoltà   dovute   alla   crisi   del  

debito   sovrano   hanno   avuto   effetti   negativi   sulla   raccolta   anche   delle   banche   che   –nel   rispetto   dei   vincoli   di  

capitale-­‐  hanno  ridotto  i  prestiti  all’economia:  la  BCE  aveva  dato  soldi  alle  banche  per  comprare  titoli  di  Stato  ma  

sono  entrate  in  crisi  anch’esse..  

Il  perdurare  delle  difficoltà  nel  2011-­‐2012  ha  spinto  la  BCE  verso  un  ruolo  più  direttivo.  

Tra  ottobre  2008  e  maggio  2009  i  tassi  ufficiali  dell’area  euro  sono  stati  ridotti  di  325  punti  base  (3,25%)  erano  

arrivati  quasi  al  4%.  Dopo  una  fase  di  recupero  nell’estate  del  2011  i  tassi  ufficiali  a  partire  dal  novembre  2011  

sono   stati   ulteriormente   diminuiti   nel   luglio   del   2012   (1,50   /   0,75   /   0,00)   in   coincidenza   con   il   rinnovo   dei   vertici  

della  Banca  centrale  europea.    Nel  marzo  2016  si  è  raggiunto  il  minimo  storico  (0,25  /  0,00  /  -­‐0,40)  .  

 

Scarsa  efficacia  delle  manovre  di  policy.  

La  manovra  sui  tassi  di  interesse  hanno  avuto  scarsi  risultati  perchè  nell’area  euro  è  rilevante  il  finanziamento  

bancario:   il   canale   dei   tassi   non   è   influente   quanto   quello   creditizio.   L’obbiettivo   principale   non   deve   essere  

abbassare  i  tassi  (arrivati  fino  allo  0%),  ma  far  sí  che  le  banche  concedano  prestiti.    

La  maggiore  liquidità  bancaria  tuttavia  non  ha  stimolato  la  ripresa  economica  per:  

-­‐  esigenze  di  ricapitalizzazione  delle  banche  !  devono  mantenre  un  certo  vincolo  patrimoniale  e  non  possono  

condere  tanti  prestiti,  tanto  più  se  sono  rishciosi.  

-­‐  elevato  aumento  delle  sofferenze  della  banche    durante  una  crisi  alcuni  prestiti  sono  inesigibili.  

!

-­‐   modesta   domanda   di   prestiti   dovuta   alle   attese   di   una   bassa   crescita   della   domanda   aggregata   (interna   e  

esterna)  !  prima  2008  saggio  crescita  dei  prestiti  bancari  è  arrivato  a  superare  il  10%  all’anno,  dopo  la  crisi  è  

stato  addirittura  negativo  e  si  sta  lentamente  stabilizzando  intorno  allo  zero.  

 

Programmi  di    acquisto  di  obbligazioni  garantite.  

CBPP  e  CBPP  (coered  bond  purchase  programme)  !  schemi  attivati  per  il  sostegno  al  funding  delle  banche.  

2

CBPP   è   entrato   in   vigore   dal   maggio   2009   a   giugno   2010   per   un   importo   di   60   Mld:   prevedeva   il   sostegno   del  

mercato   utilizzato   dalle   banche   (specie   tedesche,   francesi   e   spagnole)   per   raccogliere   fondi   da   destinare   a  

prestiti.  Lo  schema  CBPP2  è  stato  reintrodotto  da  novembre  2011  fino  a  ottobre  2012  per  un  importo  di  40  Mld.    

CBPP   e   ABSPP   (asset-­‐backed   securities   purchase   programme)   forme   aggiuntive   di   sostegno   al  

!  

3

finanziamento  delle  banche.  Lo  schema  consentira  di  assorbire  titoli  cartolarizzati  con  procedure  trasparenti.  

 

Programmi  di    acquisto  nel  mercato  dei  titoli.  

Il   livello   di   liquidità   temporaneamente   aumentava,     ma   poi   i   risultati   venivano   “sterilizzati”   con   operazioni   di  

fine-­‐tuning  (si  toglieva  liquidità).  Dal  settembre  2014  viene  eliminata  la  procedura  di  sterilizzazione.  

  28  

 

 

Le  Outright  Monetary  Transaction  (OMT)  (conosciuto  volgarmente  come  il  “Bazzuca  di  Draghi”).  

Sono   operazioni   definitive   (si   dà   e   la   si   lascia   all’economia   liquidità)   annunciate   nel   2012   al   termine   del  

programma   di   acquisto   dei   titoli   pubblici.   Prevedevano   acquisti   di   titoli   a   breve   emessi   da   Governi   in   gravi  

difficoltà   economiche   che   avessero   concordato   richieste   di   assistenza   fianziaria   e   piani   di   rientro   in   ambito   ESM.  

Gli   acquisti   si   sarebbero   svolti   sul   mercato   secondario   senza   limiti   quantitativi   e   senza   operazioni   di  

sterilizzazione.  Non  sono  mai  state  effettuate  fino  ad  oggi,  è  bastato  il  loro  annuncio  per  diminuire  gli  spread.  

 

Modifiche  nella  scadenza  delle  operazioni.  

Operazioni  LTRO     è   stata   data   liquidità   per  oltre  2000  MLD  con  aste  a  tasso  fisso  e  piena  aggiudicazione.     Nel  

!

dicembre   2011   e   nel   febbraio   2012   sono   state   attuate   due   operazioni   LTRO   con   asta   a   tasso   fisso   e   piena  

aggiudicazione  degli  importi  con  scadenza  36  mesi.    

Pagamento  degli  interessi  alla  scadenza  oppure  anticipatamente  in  occasione  di  rimborsi  parziali    

 

 

Altre  operazioni  non  standard.  

-­‐   Operazioni   di   finanziamento   mirate   (TLTRO)   8   tipi   di   operazioni   riservate   alle   banche   con   durata  

!  

quadriennale   mirate   per   far   sí   che   le   banche   impiegassero   tali   fondi   per   concdere   prestiti   e   finanziare   il  

settore   privato   dell’economia.   Se   tali   presti   venivano   destinati   a   impieghi   diversi   erano   previsti   rimborsi  

anticipati.  Sono  stati  esclusi  prestiti  per  acquisti  di  immobili.    

 

Quantitative  easing  (collega  con  lettura).  

Nel  gennaio  2015  si  è  deciso  un  programma   ampliato   di   acquisto   (PAA)   a   titolo   definitivo   di   titoli   pubblici   e  

privati   per   contrastare   la   deflazione.  Il  programma  prevede  anche  interventi  sul  mercato  secondario  dei  titoli  

pubblici  in  proporzione  alle  quote  di  partecipazione  dei  singoli  Stati  al  capitale  della  BCE.    

Gli   interventi   immetteranno   liquidità   per   60   Mld   di   euro   ogni   mese   fino   a   marzo   2017   (in   totale   oltre   1100  

Mld)  e  comunque  fino  al   raggiungimento     della   stabilità   dei   prezzi.   Gli   acquisti   sono   effettuati   su   base   nazionale:  

ogni  BCN  acquista  e  deteniene  in  portafolgio  titoli  del  debito  sovrano  del  proprio  paese  in  base  alle  key  capital.  

Quindi  si  acquistano  per  la  maggior  parte  titoli  del  paese  più  forte:  la  Germania.  Addirittura  oggi  la  BC  tedesca  fa  

fatica  ad  acquistare  titoli  tedeschi  per  la  loro  scarsità  di  reperibilità  quindi  il  quantitative  easing  potrebbe  finire  

prima.  La   BCE  partecipa  nella  misura  dell  8%  del  totale  delle  attività  acquistate.    

Tale   provvedimento   va   verso   l’eterogeneità   dei   sistemi   di   finanziamento:   le   eventuali   perdite   delle   BCN   sugli  

acquisti  saranno  condivise  per  il  12%  dalla  BCE,  la  restante  parte  resterà  a  carico  alle  singole  BCN.  Gli  acquisti  si  

rivolgeranno   alle   categorie   di   titoli   ammesse   alle   operazioni   di   politica   monetaria,   comprendendo   eventuali  

deroghe.

 

 

Valutazione  intervento  della  BCE.  

In   condizioni   oridnarie   la   BCE   ha   svolto   in   maniera   efficace   la   sua   azione   di   controllo   monetario,   mantendo   in  

media  la  stabilità  dei  prezzi  con  le  sue  politiche  ordinarie.  In  condizioni  di  crisi  sono  state  adottate  le  necessarie  

misure  di  sostegno  della  liquidità  per  mantenere  la  fiducia  tra  gli  operatori.  Per  affrontare  la  recessione  seguita  

alla   crisi,   la   BCE   incontra   molte   difficoltà   dovute   all’assetto   istituzionale,   modellato   sull’esperienza   della  

Bundesbank.   Nella   situazione   attuale  la  politica  monetaria  ha  dei  limiti  oggettivi  e  deve  essere  accompagnata  

da   misure   espansive   di   tipo   fiscale   la   cui   attuazione   è   fortemente   limitata   dalle   impostazione   di   policy   seguita  

a  livello  europeo.  

 

 

 

 

 

 

 

 

  29  

 

CONDIZIONI  DI  FINANZIAMENTO

 

Nell’Area   Euro   ci   sono   omogeneità   nelle   condizioni   di   finanziamento   attraverso   i   quali   gli   operatori   possono  

acquisire  risorse.  Questi  operatori  sono:  

Privati     imprese  e  banche.  

!

Pubblici     Stati.  

!

Omogeneità     le  condizioni  di  finanziamento  sono  uguali  per  tutti  gli  operatori  di  tutti  gli  Stati.  

!

Eterogeineità   per  motivi  diversi  le  condizoni  praticate  non  sono  più  uguali.  

!

Nel  mercato  monetario  e  nel  segmento  dei  titoli  pubblici  si  è  passati  da  un’omogenietà  a  un’etereogenità  delle  

condizioni  di  finanziamento  a  causa  della  crisi.  

In  condizioni  normali  gli  operatori  in  avanzo  e  in  disavanzo  di  liquidità  si  scambiano  tra  di  loro  flussi:  per  esempio  

una  banca  greca  chiede  fondi  a  una  banca  tedesca,  lo  scambio  avviene  sul  mercato  interbancario.    

Quando  vi  è  omogeneità  delle  condizioni  lo  scambio  avviene  senza  problemi.    

Quando  si  presenta  una  crisi,  il  mercato  non  funziona  e  si  blocca  perchè  diventa  rischioso  operare  nel  mercato  

interbancario.   Ecco   perchè   negli   utlimi   tempi   la   BCE   ha   assunto   di   fatto   la   posizione   di   intermediazione  

prendendo  liquidità  da  chi  ne  aveva  in  eccesso  e  dandola  a  chi  ne  aveva  in  difetto.    

Strumenti  con  i  quali  la  BC  dà  liquidità  all’economia:  ORP,  ORTL,  operazioni  non  convenzionali.  

Strumenti   con   i   quali   la   BC   prende   liquidità   dall’economia:   aumento   delle   riserve,   depositi   marginali   (in  

condizioni  ordinarie,   perchè  in  condizioni  non  oridnarie  la  BCE  impone  tassi  negativi  sui  depositi  marignali  per  

incentivarla  a  dare  liquidità  all’economia).  

 

Supponiamo  che  un’impresa  greca  acquisti  un  macchinario  da  un’impresa  tedesca:    

la  transazione  riguarda  l’impresa  greca  (che  deve  pagare  400  euro)  e  a  quella  tedesca.    

I  conti  sono  regolati  con  le  rispettive  banche  che  coinvolgono  le  proprie  BCN.  Il  regolamento  di  questi  conti  avviene  

attraverso  il  sistema  target  2.  I  soldi  vengono  presi  dal  conto  dell’impresa  greca  e  accreditati  nel  conto  che  l’impresa  

tedesca  ha  presso  la  propria  banca.  Il  sistema  target  2  avviene  solo  quando  le  transazioni  sono  transfrontaliere  cioè  

quando  coinvolgono  imprese  di  Stati  diversi  e  si  ricorre  alle  rispettive  BCN.  Dopo  tale  operazione  la  banca  greca  avrà  

un   “debito   in   t2”,   quella   tedesca   un   “credito   in   t2”;   in   condizioni   ordinarie   le   loro   posizioni   sono   ripareggiati   sul  

mercato  interbancario:  sempre  tramite  il  sistema  target  2  la  banca  tedesca  presterà  i  soldi  ottenuti  alla  banca  greca.    

In   tali   condizoni   la   BCE   non   necessita   di   intervenire   perchè   gli   scambi   avvengono   autonomamente   sul   mercato  

interbancario.  

 

Condizioni  normali:  

1.  l’impresa  tedesca  dà  il  macchinario  a  quella  grecia.  

2.  l’impresa  greca  paga  denaro  a  quella  tedesca    con  t2.  

!

3.  la  banca  tedesca  presta  soldi  a  quella  greca    con  t2.  

!

A  fine  giornata  il  saldo  target  2  è  in  pareggio.  

 

Crisi:  

1.  l’impresa  tedesca  dà  il  macchinario  a  quella  grecia.  

2.  l’impresa  greca  paga  denaro  a  quella  tedesca    con  t2.  

!

3.  la  banca  tedesca  non  presta  soldi  a  quella  greca  perchè  teme  che  non  le  tornino  indietro.  

A  fine  giornata  il  saldo  target  2  non  è  in  pareggio:  è  >  0  per  la  Germania  e  <  0  per  la  Grecia.  

 

L’Area   Euro   non   ha   più   un   buon   funzionamento   perchè   ci   sono   degli   squilibri   di   liquidità:   alcuni   paesi   (CORE:  

Germania,   Finlandia,   Austria)  presentano  dei  saldi  di  target  2  crescenti  (positivi)  e  altri  (Italia,   Grecia,   Irlanda,  

Spagna   e   Portogallo)  hanno  invece  dei  saldi  decrescenti  (negativi).  Il  mercato  non  è  più  in  grado  di  pareggiare  

questi   squilibri,   ecco   che   deve   intervenire   la   BCE   che   tramite   le   OMA   fornisce   liquidità   ai   secondi   e   la   prende   dai  

primi.  

 

 

 

 

 

 

 

  30  

PROVA  INTERMEDIA  

 

Programma.  

   

 

  31  

 

  32  

Data  e  orario.  

11/11  ore  9:00  divisa  in  più  turni.  

Durata:  2  ore.  

 

 

Voti  della  prova  intermedia.  

C    bocciato.  

!

B    appena  sufficiente    all’orale  il  voto  massimo  che  si  può  prendere  è  24.  

! !

A    permette  di  prendere  all’orale  qualsiasi  voto.  

!

 

 

Le  domande.  

Leggre   bene   la   domanda,   è   importante   sviluppare   in   modo   dettagliato   quanto   chiesto   nella   domanda   e   fare   collegamenti   e/o  

intruduzione  brevi.  

Le   domande   non   saranno   troppo   generiche   perché   richiederebbero   risposte   troppo   ampie:   saranno   più   specifiche   e   con   possibilità  

di  collegamento  con  altri  argomenti.  

 

 

Come  strutturare  le  risposte.  

Fare  prima  uno  schema  con  i  punti  che  si  intende  trattare  nella  risposta.  

Va  bene  fare  una  premessa,  ma  di  poche  righe:  la  risposta  deve  essere  incentrata  sull’argomento  principale.  

Per  aumentare  il  voto  si  necessitano  collegamenti:  ci  si  collega  ad  altri  argomenti  studiati  che  sono  pertinenti  con  la  domanda.  

Lunghezza    minimo  mezza  pagina  a  domanda,  in  genere  1-­‐2  pagine  a  domanda  per  avere  voti  alti.  

!

 

 

Esempio  di  domande  prova  intermedia.  

1)   Spiegare  cosa  si  intende  per  effetto  costo,  nell’ambito  della  trasmissione  della  politica  monetaria.  

 

Schema.  

1.  definizione  canale  di  trasmissione  della  politica  monetaria.  

2.  enunciare  i  due  canali  (monetario  e  creditizio).    

3.  eventualmente  distinzione  tra  i  due  canali.  

4.  spiegare  il  canale  monetario  concentrandosi  sull’  ‘effetto  costo”.  

5.  definizione  di  effetto  costo  (e  la  sequenza).  

6.  collegamento:  ci  sono  altri  modi  in  cui  la  BC  può  far  variare  M  (non  con  OMA).  

7.  collegamento:  la  sequenza  può  incontrare  delle  difficoltà  o  avere  dei  rallentamenti.  

8.  collegamento:  effetto  costo  può  dare  luogo  anche  all’effetto  ricchezza.  

 

Risposta.  

Un   canale   di   trasmissione   descrive,   individua   e   spiega   una   sequenza   di   effetti   e   di   modalità   con   le   quali   un   intervento   di   politica  

monetaria  attuato  dalla  BC  produce  i  suoi  effetti  nella  parte  reale  dell’economia.    

I   canali   di   trasmissione   sono   quello   monetario   e   quello   creditizio,   sono   due   canali   che   si   affiancano   non   sono   sostitutivi   l’uno  

dell’altro.  Il   canale   monetario    ( o   money   view)  analizza  l’azione  delle  banche  dal  lato  del  passivo,  mentre  il   canale   creditizio  ( credit  

view)  analizza  l’azione  delle  banche  dal  lato  dell’attivo.  

Il  canale  monetario  prende  in  considerazione  la  funzione  delle  banche  come   trasmissori  di  moneta.  


ACQUISTATO

26 volte

PAGINE

58

PESO

5.38 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e commercio (AREZZO - SIENA)
SSD:
Università: Siena - Unisi
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Giulia.Clabross di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia monetaria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Siena - Unisi o del prof Bonaiuti Gianni.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia e commercio (arezzo - siena)

Riassunto esame Economia Politica, docente Luigi Bosco, libro consigliato “L’Economia", TheCOREProject
Appunto
Appunti di economia del mercato mobiliare
Appunto
Lezioni, Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche
Appunto
Analisi e Contabilità dei Costi Barnabè
Appunto