Che materia stai cercando?

Apparato tegumentario:tessuti, ghiandole, epiteli, membrane, derma

Riassunto anatomico dettagliato dell'apparato tegumentario, tessuti: epiteliali, connettivo, muscolare, nervoso, epiteli ghiandolari, secrezioni, sensoriali, transizione,rivestimento, epidermide dell'università degli Studi di Milano - Unimi. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Anatomia e fisiologia docente Prof. B. Di Marco

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

sottile dell’ansa di Helen). accumulandosi nel citoplasma), diventando così

cellule robuste e resistenti all’acqua. Quindi la

• Non entra a contatto con il mondo esterno. cute è un epitelio stratificato pavimentoso

cheratinizzato (o corneificato). Si differenzia

• Ha dei nomi speciali: dalla mucosa che non cheratinizza.

• Mesotelio: Tappezza le cavità ventrali del • Un epitelio pavimentoso stratificato non

corpo, ovvero le cavità toracica, cheratinizzato può offrire resistenza alla

addominale e pelvica. abrasione, ma si disidrata se non viene

Come per esempio: continuamente umidificato.

• La pleura che è una tonaca sierosa

che avvolge ciascun polmone in

doppio strato, tappezzando

all’interno la cavità toracica.

• Il pericardio che riveste il cuore.

• Il peritoneo che è una membrana

sierosa che costituisce il

rivestimento della cavita

addominale e parte di quella

pelvica e inoltre ricopre gran parte

dei visceri contenuti al suo interno.

• Endotelio: Riveste internamente il cuore e i

vasi sanguigni.

EPITELIO CUBICO SEMPLICE EPITELIO CUBICO STRATIFICATO

• •

Ha sede: È relativamente raro.

• •

Nelle ghiandole Può riscontrarsi:

• •

Nei dotti Nei dotti delle ghiandole sudoripare.

• •

Nei tratti dei tuboli renali Nei dotti principali di altre ghiandole

esocrine, quali come le ghiandole

• Nella ghiandola della tiroide mammarie.

• Le sue funzioni sono: • Svolge funzione di:

• Limitate funzioni protettive. • Protezione

• Secrezione e assorbimento. • Secrezione

Per esempio: • Assorbimento

• Ghiandole salivari secernano

enzimi e tamponi.

• Nei dotti trasporta tali

secrezioni, oltre che a rivestirlo.

• La ghiandola tiroidea è costituita

da camere dette follicoli tiroidei,

che sono ricoperti da un epitelio

cubico semplice secernente.

semplice secernente.

EPITELIO CILINDRICO SEMPLICE EPITELIO CILINDRICO STRATIFICATO

• •

Svolge funzioni di: È molto raro.

• •

Protezione Svolge funzioni protettive nelle zone:

• •

Assorbimento Della faringe

• •

Secrezione Dell’epiglottide

• •

Riveste: Dell’ano

• •

Lo stomaco Dei dotti mammari

• •

Il tratto intestinale (intestino crasso e Della ghiandola salivare

colecisti). • Dell’uretra

• Molti dotti secretori (tube uterine, dotti

collettori del rene).

FORME SPECIALIZZATE DI EPITELIO

• EPITELIO CILINDRICO PSEUDOSTRATIFICATO:

• Ha sede:

• Nelle vie aeree, riveste: Cavità nasale, Trachea, Bronchi.

• In porzioni dell’apparato riproduttivo maschile.

• Appare stratificato, ma tutte le cellule sono a contatto con la lamina basale quindi non è un

epitelio stratificato.

• I nuclei si trovano a distanza variabile dalla superficie.

• Viene chiamato cilindrico poiché le sue cellule contengono ciglia.

• Svolge funzioni di protezione e secrezione.

• EPITELIO DI TRANSIZIONE:

• Riveste:

• La pelvi renale

• Gli ureteri

• La vescica (in questa zona l’ultimo strato è ad “ombrello” per contenere l’urina ed

impedire il riassorbimento, questo grazie all’impermeabilità.

• È un epitelio stratificato con caratteristiche speciali: permette di stirarsi.

• Quando è stirato l’epitelio di transizione è simile a un epitelio stratificato non cheratinizzato,

composto da 2 o 3 strati.

• Quando non è stirato (vescica vuota) l’epitelio appare pluristratificato.

• L’organizzazione dell’epitelio di transizione ne permette una notevole distensione, senza che si

verifichino danni a carico delle cellule che lo compongono.

• Funzione: permettere la espansione e il ritorno dopo la distensione.

• EPITELI SENSORIALI:

• Intervengono nella relazione agli stimoli perché posseggono recettori specifici che ricevono

stimoli appropriati.

• Non corrispondono alle cellule nervose.

• Sono:

• Cellule gustative

• Cellule acustiche

• Cellule olfattive

• Cellule dell’equilibrio

• Cellule della vista EPITELI GHIANDOLARI

• Vari epiteli contengono cellule ghiandolari che producono secrezioni.

GHIANDOLE ESOCRINE GHIANDOLE ENDOCRINE

• •

Si trovano: Sono prive di dotti.

• •

Nella bocca Riversano le loro secrezioni direttamente:

• •

Nel pancreas Nel fluido interstiziale

• •

Nell’apparato digerente Nella linfa

• •

Nell’apparato genitale Nel sangue

• *L’endotelio è discontinuo e ricco di una rete

Scaricano il loro secreto sulla superficie capillare per il passaggio delle molecole.

epiteliale. • Il loro prodotto è inattivo, si lega a recettori di

membrana.

Possono essere classificate in base:

• Al tipo di secrezione

• Al tipo di struttura della ghiandola

• Alla loro modalità di secrezione

• CLASSIFICAZIONE IN BASE AL TIPO DI SECREZIONE:

SECREZIONI ESOCRINE SECREZIONI ENDOCRINE = ORMONI

• •

Vengono rilasciate in superficie attraverso un condotto Vengono rilasciate nei liquidi

epiteliale che è connesso alla superficie cutanea. interstiziale intercellulare tramite

esocitosi.

• Quando attraversano il condotto le secrezioni possono •

restare inalterate o essere modificate attraverso Si diffondono nel sangue per

meccanismi come: raggiungere tutti i distretti corporei.

• •

Riassorbimento Gli ormoni hanno la funzione di

regolare e coordinare l’attività di vari

• Secrezione tessuti, organi e apparati.

• Controtrasporto

• In base alla natura del loro secreto possono classificarsi in:

GHIANDOLE SIEROSE GHIANDOLE GHIANDOLE ESOCRINE MISTE

Producono una MUCOSE Contengono più di un tipo di cellula ghiandolare.

secrezione acquosa, Secernano Possono produrre sia secrezioni di tipo sierosa che mucosa.

ricca di enzimi glicoproteine, dette

(proteine). mucine.

Esempio: amilasi Il muco viene

salivare. formato da polimeri

Sono tipiche anche di zuccheri che

dell’apparato assorbendo acqua

respiratorio. formano un muco

viscoso.

Si trovano nel

apparato digerente,

soprattutto

nell’intestino.

• CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA STRUTTURA GHIANDOLARE:

GHIANDOLE UNICELLULARI GHIANDOLE PLURICELLULARI

È chiamata così negli epiteli contenenti cellule Sono rappresentate da epiteli o insieme di cellule

ghiandolari disperse. ghiandolari che producono una secrezione esocrina o

endocrina.

• •

Ghiandole ESOCRINE unicellulari: Secernano Ghiandole ESOCRINE pluricellulari:

mucine (glicoproteine) e possono essere: La loro secrezione viene rilasciata in un

• A cellule caliciforme: Che si trovano sparse per compartimento interno.

esempio nell’epitelio cilindrico dell’intestino sia Esempio:

tenue che crasso. Le cellule secernenti muco nell’epitelio gastrico, che

• attraverso la sua continua secrezione proteggono lo

A cellule mucipari: Che si trovano sparse per stomaco dagli acidi e dagli enzimi prodotti dalla

esempio nell’epitelio cilindrico cigliato stessa mucosa gastrica.

pseudostratificato che riveste la trachea. • Queste ghiandole posseggono due

componenti epiteliali:

• Una porzione ghiandolare che produce il

secreto.

• Una dotto che convoglia il secreto verso

la superficie epiteliale.

• In base alle caratteristiche delle due

componenti si può descrivere l’organizzazione

strutturale delle ghiandole, che possono

essere:

• Tubulari, quando le cellule si dispongono

a formare un tubo.

• Acinose o alveolari, quando le cellule si

dispongono a formare una tasca chiusa.

• Semplice, quando il dotto non dà

collaterali.

• Composto, quando varie ghiandole

semplici confluiscono in uno stesso dotto

= Ramificato.

Ghiandole esocrine pluricellulari semplici Ghiandole esocrine pluricellulari composte

• •

Tubulare semplice: Ghiandole intestinali. Tubulare composta: Ghiandole mucose della

bocca, ghiandole bulbouretrali (nell’apparato

• Tubulo spirale semplice: Ghiandole sudoripare genitale maschie), ghiandole del testicolo (nei

merocrine. tubuli seminiferi).

• Tubulo ramificata semplice: Ghiandole • Alveolare (acinosa) composta: Ghiandola

gastriche, ghiandole mucose dell’esofago, lingua mammaria.

e duodeno. • Tubulo alveolare composta: Ghiandole salivari,

• Alveolare (acinosa) semplice: Non si riscontrano ghiandole del tratto respiratorio, ghiandole del

nell’adulto perché rappresentano uno stadio di pancreas.

sviluppo delle ghiandole ramificate semplici.

• Alveolare ramificata semplice: Ghiandole

sebacee.

• CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA MODALITÀ DI SECREZIONE:

SECREZIONE MEROCRINA SECREZIONE APOCRINA SECREZIONE OLOCRINA

Il prodotto viene rilasciato Il citoplasma viene perso insieme al Durante la secrezione olocrina,

attraverso un meccanismo di prodotto di secrezione. l’intera cellula si trasforma in un

esocitosi (modalità più comune). Esempio: la produzione di latte da pacchetto di vescicole secretorie

Esempio: le cellule caliciforme parte della ghiandola mammaria fino a scoppiare, quindi quello

rilasciano il muco attraverso avviene tramite una combinazione rappresenta il momento in cui

questo meccanismo. di secrezione merocrina e apocrina. avviene il rilascio della secrezione,

Un altro esempio sono le ghiandole la quale comporta la morte della

sudoripare. cellula.

Ulteriori secrezioni dipendono dalla

capacità della ghiandola di

rigenerare se stessa mediante

mitosi delle cellule staminali.

Esempio: le ghiandole sebacee, che

associate ai follicoli peliferi,

producono il rivestimento cereo

del pelo.

TESSUTO CONNETTIVO

• Deriva dal foglietto mesodermico.

• È un tessuto che si trova in tutto il corpo senza mai venire a contatto con l’ambiente esterno.

• I tessuti connettivi sembrano diversi per aspetto e funzione, ma sono accumunati dal possedere:

• CELLULE SPECIALIZZATE

• FIBRE PROTEICHE EXTRACELLULARI

• Un fluido noto come SOSTANZA FONDAMENTALE AMORFA: È un gel capace di legare H2O con

gas (O -CO ) presente nel liquido tessutale o interstiziale. È formata da:

2 2

• Glicoproteine = Fibronectina (È una proteina che regola l’adesione cellulare)

• Glicosaminoglicani (GAG)

*GAG sono polimeri di zuccheri che si legano a proteine formando proteoglicani. Sono rappresentati da:

• Acido ialuronico

• Acido condroitinico

• Condroitin solfato A e B

• Eparina (se si trova in grandi quantità il sangue diventa

maggiormente liquido).

I GAG sono ionizzati e quindi possono legare cationi inorganici, organici e proteine. Sono inibitori della

calcificazione e l’eparina ha una funzione anticoagulante.

Funzioni della sostanza amorfa:

• Connette le strutture fibrose orientando la disposizione delle fibre collagene.

• Supporto meccanico.

• Regola la diffusione di sostanze metaboliche, di ioni, di ossigeno e gas.

• Difende l’organismo.

• LIQUIDO INTERSTIZIALE: È costituito da acqua e sostanze metaboliche e gas in essa disciolte

che diffondono dai capillari sanguigni.

L’acqua, le fibre extracellulari e la sostanza fondamentale amorfa costituiscono la MATRICE, che si trova

intorno alle cellule. Quindi il tessuto connettivo è costituito per la maggior parte da matrice extracellulare.

*Esempio: Il tessuto connettivo nei polmoni, tra gli alveoli è il liquido interstiziale.

LE FUNZIONI DEL TESSUTO CONNETTIVO SONO:

• Costruire una rete di sostegno per il corpo.

• Fornire supporto sostenendo, circondando e interconnettendo tessuti differenti.

• Nutrizione per i tessuti.

• Scambi gassosi e ionici, ovvero trasportare fluidi e sostanze da una regione all’altra del corpo.

• Difesa, ovvero fornisce protezione a organi e tessuti.

• Produzione eparina (rende il sangue più fluido) – istamina (agisce nella risposta immunitaria).

• Difendere il corpo dall’invasione di microrganismi.

• Deposito dei lipidi, ovvero immagazzinare riserve energetiche.

• Riparazione delle lesioni

• Classificazione della matrice ossea

CLASSIFICAZIONE DEI TESSUTI CONNETTIVI

Possono essere classificati in 3 gruppi:

TESSUTO CONNETTIVO PROPRIAMENTE DETTO

Contiene fibre extracellulari, sostanza fondamentale amorfa e due categorie di cellule che sono:

• Le cellule fisse: Che stazionano in sede e contribuiscono principalmente al mantenimento

dell’omeostasi locale, riparazione e riserva energetica.

• Le cellule migranti: Che sono deputate principalmente alla difesa e alla riparazione dei tessuti

danneggiati.

CELLULE FISSE:

• FIBROBLASTI: Sono le cellule più abbondanti di questo tessuto e le uniche sempre presenti. Hanno una

forma assottigliata o a stella.

La loro funzione è quella della produzione delle fibre connettivali, secernendo e sintetizzando subunità

proteiche che si uniranno a formare le grandi fibre extracellulari. Inoltre secernano l’acido ialuronico,

responsabile della viscosità della sostanza fondamentale.

• FIBROCITI: Sono cellule stellate responsabili del mantenimento delle fibre e della matrice del tessuto.

Si differenziano a partire dai fibroblasti.

• MACROFAGI FISSI: Fagocitano le cellule danneggiate o i patogeni che entrano nel tessuto. Hanno un

ruolo fondamentale nella risposta immunitaria, infatti rilasciano i mediatori chimici che attivano il

sistema immunitario e attraggono cellule preposte ai meccanismi di difesa.

• ADIPOCITI / Cellule adipose: Hanno la funzione di conservare riserve lipidiche, infatti contengono al

suo interno una singola e voluminosa goccia lipidica e il nucleo e gli organuli si dispongono ai lati

(formando un “anello” in sezione).

• CELLULE MESENCHIMALI: Sono cellule staminali presenti in molti tessuti connettivi, hanno la capacità

di differenziarsi in altri elementi, rispondendo così ad una infezione.

• MELANOCITI: Hanno la funzione di sintetizzare la melanina, che dà al tessuto un colore oscuro. Sono

presenti nell’epidermide, determinando così il colore della pelle; nel derma e anche nel occhio.

CELLULE MIGRANTI:

• MACROFAGGI LIBERI: Sono cellule fagocitarie mobili, che quando circolano nel sangue prendono il

nome di monociti. Rinforzano la difesa immunitaria svolta dai macrofagi fissi.

• MASTOCITI: Stimolano la risposta immunitaria locale, grazie alla presenza al suo interno di granuli

secretori citoplasmatici costituiti da: eparina, istamina e serotonina, che vengono rilasciati inseguito a

un danneggiamento, infezione o infiammazione per la difesa dell’organismo.

Sono mediatori dell’infiammazione.

• LINFOCITI: Partecipano alla risposta immunitaria. Si possono trasformare in plasmacellule, che sono

responsabili della produzione di anticorpi (proteine coinvolte nella difesa dell’organismo dalle

malattie).

• GRANULOCITI NEUTROFILI ED EOSINOFILI: Sono cellule ematiche fagocitarie che si spostano durante i

processi infettivi o infiammatori, in seguito a sostanze chimiche rilasciati dai macrofagi e dai mastociti

che gli attirano.

FIBRE DEL TESSUTO CONNETTIVO PROPRIAMENTE DETTO:

I fibroblasti formano i 3 tipi di fibre, mediante la secrezione di subunità proteiche che si assemblano nella

matrice.

Mentre il loro mantenimento è affidato ai fibrociti.

LE FIBRE SONO RESPONSABILI DELLA:

• Resistenza alla tensione.

• Elasticità.

• Funzione meccanica

• Funzione di sostegno

Le 3 fibre sono:

• FIBRE COLLAGENE:

• Sono lunghe, lineari e prive di diramazioni.

• Sono le fibre più comuni e resistenti dei tessuti connettivi, grazie alla loro flessibilità (Capacità

di resistere alla tensione = Resistenza alla tensione). Possono resistere a forze elevate, si

rompe più facilmente un osseo che un tendine.

• Formano fasci organizzati in bande.

• Si formano dalle molecole del protocollagene, che vengono prodotte dai fibroblasti,

condroblasti e osteoblasti.

Il protocollagene è costituito da tre aminoacidi: idrossiprolina, prolina e glicina.

• Si possono distinguere 5 forme.

• Si trovano nei:

• Tendini (mettono in comunicazione i muscoli scheletrici con le ossa)

• Legamenti (mettono in connessione due ossa)

• Cartilagine

• Derma

• FIBRE RETICLARI:

• Sono più sottili e formano una struttura intrecciata e ramificata resistente ma flessibile. Il

fatto di formare una rete non allineata permette di offrire resistenza a forze applicate da

diverse direzioni. Resistono a cambiamenti di posizione e alla forza di gravità. Questo

stabilizza le posizioni relative delle cellule degli organi, vasi sanguigni e nervi.

• Sono particolarmente abbondanti in organi come la milza e il fegato. Dove creano una stoma

(complessa rete tridimensionale) che sostiene il parenchima (costituito da cellule con funzioni

peculiari dell’organo).

• Sono costituite da protocollagene ovvero che ha più zuccheri nella struttura.

• Formano un reticolo e sono 3.

• Le fibre reticolari si trovano:

• Nella membrana basale degli epiteli

• Intorno ai capillari

• Intorno alle fibre muscolari e nervose.

• FIBRE ELASTICHE:

• Sono ramificate e ondulate, che permette un loro stiramento fino a 150% della loro lunghezza

di riposso e il loro ritorno alla loro lunghezza originaria.

• Sono formate da elastina, una proteina molto resistente agli agenti fisici e chimici.

• È digerita solo dall’elastasi che viene prodotta dal pancreas. Si alterano con l’età.

• Si trovano:

• Nella tonaca delle arterie

• Nei legamenti

• Nei tendini

Il tessuto connettivo propriamente detto in base alla percentuale della concentrazione delle fibre rispetto

alla sostanza fondamentale e ai lipidi si suddivide in:

• Tessuto connettivo DENSO (contiene più fibre e si trova per esempio

nel derma).

• Tessuto connettivo LASSO (contiene meno fibre ed è più liquido,

questo facilità la diffusione di sostanze. Lo si trova per esempio nel

parenchima polmonare).

TESSUTI CONNETTIVI LASSI:

• Riempiono gli spazi tra gli organi.

• Hanno la funzione di ammortizzare e fornire sostegno agli epiteli.

• Circondano e sostengono i vasi sanguigni e i nervi.

• Conservano lipidi.

• Consentono la diffusione di materiali.

• TESSUTO AREOLARE:

• È il tessuto connettivo meno specializzato dato che contiene tutte le cellule e fibre del tessuto

connettivo.

• Ha una struttura aperta ed è riempito in gran parte da sostanza fondamentale.

• È un liquido viscoso che ammortizza i traumi.

• Le fibre sono organizzate in forma lasso, permettendo al tessuto di poter essere deformato senza

danni. Le fibre elastiche le permettono di ripristinare la forma originaria al termine di uno stimolo

pressorio.

• Forma uno strato che separa la cute dalle strutture presenti più in profondità.

• Le sue funzioni sono:

• Proteggere i muscoli da alterazioni quando la cute subisce pressioni (es. pizzicotto).

• Proteggere la cute quando il muscolo si contrae (il tessuto si stira).

• Permettere il rilascio di O e sostanze nutrienti.

2

• Rimuovere CO e altri prodotti di rifiuto.

2

• I suoi capillari trasportano le cellule migranti verso i tessuti (gli epiteli coprono

generalmente uno strato di tessuto areolare).

• TESSUTO ADIPOSO:

• Si forma in determinate sedi del tessuto areolare.

• Gli adipociti (cellule adipose) diventano abbondanti, fissi, compatti tra loro, formando così una

struttura a grappolo.

• Esistono due tipi di tessuto adiposo:

• Grasso bianco: Molto comune negli adulti, di colore giallo pallido. Si suoi adipociti (cellule

adipose bianche) sono inerti, contengono un’unica goccia lipidica grossa che occupa gran

parte del citoplasma, spingendo così il nucleo e gli organuli sui i lati, formando un “anello”.

Le sue funzioni sono:

• Fornire una imbottitura.

• Ammortizzare gli urti.

• Ridurre la dispersione termica.

• Compatta e riempie le strutture vicine (è più abbondante sui fianchi, inguine, natiche e

mammelle).

• Riempie le cavità ossee dietro gli occhi.

• Circonda i reni.

• Si trova anche nella cavità pericardica e addominale.

• Grasso bruno: Più abbondante nei bambini, il grasso è immagazzinato sotto forma di vacuoli

citoplasmatici all’interno delle cellule adipose brune. Questo tessuto è riccamente

vascolarizzato. Le singole cellule contengono numerosi mitocondri, ai quali è dovuto il suo

colore.

Le sue funzioni sono:

• Regolare la temperatura nei neonati e nei bambini.


PAGINE

26

PESO

174.98 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BUSTO ARSIZIO - CERNUSCO SUL NAVIGLIO - GARBAGNATE MILANESE - LEGNANO - MILANO - ROZZANO)
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Aarynankorsway di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia e fisiologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Di Marco Biancamaria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia e fisiologia

Fisiologia umana-Sistema nervoso e nervi spinali nel dettaglio
Appunto
Il sistema urinario
Appunto
Il sistema nervoso periferico
Appunto
Il sistema respiratorio
Appunto