Che materia stai cercando?

Alimentazione

Appunti di Biologia generale basati sugli appunti del publisher alle lezioni del Prof. Bavestrello dell'università degli Studi di Genova - Unige, facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, corso di laurea in Scienze ambientali e naturali, scaricabili in PDF.

Esame di Biologia docente Prof. G. Bavestrello

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1. L’intestino anteriore (cavità boccale, faringe, esofago, ingluvie) ha origine e rivestimento

ectodermico

a. Cavità boccale. La bocca si apre per permettere la masticazione del cibo, qui sboccano le

ghiandole salivari. Alcuni animali hanno strumenti per la triturazione del cibo, quali denti,

lingua, radula, lanterna di Aristotele; altri hanno anche strumenti che permettono la

prensione dell’alimento, quali ciglia o tentacoli.

b. Faringe muscoloso. Organo estroflessibile che funziona come una pompa.

c. Esofago. Corta regione di conduzione.

d. Ingluvie. Organo di immagazzinamento, sviluppato negli animali che ingeriscono grandi

quantità di alimento ad intervalli regolari.

2. L’intestino medio (stomaco, diverticolo digerente, intestino) ha origine endodermica e solitamente

ha funzione assorbente, spesso con diverticoli a fondo cieco

a. Stomaco muscoloso. Sito della demolizione meccanica e della cernita dell’alimento. Può

differenziarsi in una ingluvie con funzione anche assorbente.

b. Derivazioni a fondo cieco e assorbenti. Molluschi e crostacei presentano un epatopancreas,

con funzione di secrezione.

c. Vero e proprio intestino. Ha funzione assorbente.

3. L’intestino posteriore (retto, ano) ha origine ectodermica. Se presente è formato dal retto, in cui si

trovano batteri intestinali simbionti e dall’ano. Se è comunicante con i dotti genitali ed escretori

viene detto cloaca.

La digestione extracellulare permette la specializzazione enzimatica delle singole cellule e anche di parti

dell’intestino, ma richiede la produzione di ingenti quantità di enzimi per poter mantenere una

concentrazione ottimale di questi nel lume dell’intestino.

Classificazione dei tipi di alimentazione

È appropriato dividere le categorie di consumatori in base alle tecniche di alimentazione che utilizzano.

Cacciatori

Sono animali mobili che attaccano, uccidono e consumano singole prede generalmente mobili e spesso

piuttosto grandi rispetto a loro stessi (macrofagi). Hanno sensi molto sviluppati che permettono loro di

percepire ed inseguire le prede.

Spesso i cacciatori sono provvisti di organi che possono circondare la bocca (chele nei chelicerati, braccia

nei cefalopodi, chelipedi nei crostacei) oppure di organi associati all’intestino anteriore (mandibole negli

anellidi).

Diversi cacciatori si nutrono per suzione: iniettano enzimi salivari proteolici (e sostanze tossiche) in modo

da succhiare i tessuti e immobilizzare la preda.

I cacciatori da inseguimento ricercano prede molto mobili ed hanno mezzi per catturarle ed

immobilizzarle.

Per gli squali, l’attacco e la cattura di una preda sono la tappa finale di un processo di ricerca che si avvale

dei potenti sensi di cui esso dispone. Il senso dell’olfatto è molto sviluppato: alcune specie sono in grado di

percepire sostanze diluite 10 milioni di volte (amminoacidi, ormoni, proteine del sangue). Gli squali sono in

grado di percepire una preda anche grazie al sistema della linea laterale. Questo organo, costituisce un

meccano recettore: decorre lungo il corpo dall’occhio fino alla coda ed è in grado di percepire le vibrazioni

create da un animale in movimento. Le vibrazioni sollecitano ciglia che a loro volta stimolano le cellule

nervose. Gli impulsi sono poi raccolti dall’encefalo ed elaborati per ottenere informazioni sulla distanza

della fonte dello stimolo.

Grazie a particolari recettori, gli squali sono anche in grado di percepire l’attività elettrica delle prede

(anche nascoste sotto la sabbia). Questi organi sono le Ampolle di Lorenzini e somigliano a centinaia di

minuscoli pori sulla testa e sul muso degli squali.

Lo squalo si ciba in media ogni 4-7 giorni. Al momento dell’attacco la mascella inferiore viene spinta in

avanti, venendo per prima a contatto con la preda. Una volta ingerito, il cibo arriva all’intestino dello

squalo, caratterizzato dalla valvola spirale, un rilievo elicoidale della parete interna che ne aumenta la

superficie di assorbimento. Le parti indigeribili delle preda vengono rigurgitate.

I cacciatori “cercatori” ricercano prede con minor mobilità ed hanno mezzi per immobilizzarle e catturarle,

contrastandone i meccanismi di difesa, come la radula nei molluschi, le braccia per divaricare le conchiglie

nelle stelle di mare, le proboscidi, gli stiletti o le pompe faringee per succhiare i singoli polpi o zooidi negli

opistobranchi e nei pesci farfalla.

La radula è un “nastro” di denti chitinosi ricurvi che funziona spesso come un raschietto per rimuovere il

cibo e promuoverne l’ingestione; i denti mostrano un adattamento al tipo di alimentazione: per esempio,

alcuni sono in grado di iniettare veleno, altri sono in grado di trivellare meccanicamente le conchiglie dei

molluschi.

Nella maggior parte dei molluschi e dei gasteropodi troviamo una membrana della radula su cui si trovano i

denti che viene mossa da muscoli al di sopra di un odontoforo.

I cacciatori all’agguato sono spesso poco mobili: gli ctenofori per esempio hanno tentacoli ricchi di

colloblasti che usano per pescare. Ogni colloblasto si presenta come una massa emisferica di granuli collosi

attaccati ad un filamento spirale che si svolge per aderire alla preda.

Parassiti

I parassiti possono essere confusi con i cacciatori poiché è breve il passaggio dalla suzione dei tessuti della

vittima (diretta o attraverso enzimi) ed un’alimentazione ectoparassita che prevede la suzione dei fluidi

della vittima senza ucciderla.

Spesso la distinzione fra cacciatori e parassiti è effettuata sulla base delle dimensioni della preda rispetto al

predatore, ma una distinzione biologica più netta si può fare fra cacciatori e parassiti che consumano fluidi

o tessuti della preda (micropredatori) ed endoparassiti privi di sistema digerente (sottraggono risorse).

Brucatori e pascolatori

Normalmente sono consumatori mobili di prede sessili, che attingono alla fonte di nutrimento, senza però

ucciderla. I gruppi generalmente predati sono Poriferi, Cnidari, Briozoi, Tunicati, colonie batteriche ed

alghe pluricellulari.

Questa categoria di predatori è solitamente provvista di strutture boccali dure come la radula o la

Lanterna di Aristotele, apparato costituito da 5 piastre calcaree (piramidi) dotate di un canale in cui si

trova un dente, che può essere protratto o retratto attraverso le piastre dure e i muscoli nel momento in

cui l’intera lanterna viene spinta in avanti o ritirata.

I gruppi che si nutrono di cnidari, ectoprocti e spugne presentano una radula raschiante: i nudibranchi

eliodiacei, che si nutrono di cnidari, afferrano porzioni della preda con le mascelle e con la radula ne

staccano frammenti, sono anche in grado di ingerire i nematocisti (cellule che contengono il liquido

urticante) senza farli aprire; questi passano indenni attraverso l’intestino finché non arrivano nella


PAGINE

5

PESO

368.64 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Biologia
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze ambientali
SSD:
Università: Genova - Unige
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher chiara1100 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Biologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Bavestrello Giorgio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Biologia

Biologia generale: riproduzione, ontogenesi e bauplan
Appunto
Biologia generale
Appunto
Epiteli e sostegno
Appunto
Strutture di movimento
Appunto