Che materia stai cercando?

9 - Il Presidente della Repubblica, funzioni e le sue responsabilità Appunti scolastici Premium

Appunti di diritto costituzionale sul Presidente della Repubblica, funzioni e le sue responsabilità basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Furlan dell’università degli Studi di Milano Bicocca - Unimib. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Diritto costituzionale docente Prof. F. Furlan

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

esempio non riesce più a svolgere le sue funzioni

momentaneamente, è sostituito dal Presidente

del Senato (che per un periodo sarà Pres.della

Rep); se deve essere operato in modo

temporaneo si delega un supplente, se in modo

permanente si convoca il Parlamento e di elegge

un nuovo Presidente. Un caso famoso fu quello

di Semi che in ospedale firmò le dimissioni.

Le dimissioni del Presidente sono un atto

 personalissimo e infatti non serve la controfirma

in modo che nessuno può andare contro questa

scelta (a differenza del Parlamentare le cui

dimissioni devono essere accettate).

Il Presidente della Repubblica ha una dotazione

 annua in cui è compreso il suo stipendio. Ha

inoltre dei palazzi in cui risiedono i suoi

consiglieri, le cui sedi sono a Castel Porziano,

Villa Rosebery e il Quirinale.

Le sue funzioni:

Il Presidente della Repubblica svolge una serie di

funzioni che lo mettono in collegamento con gli altri

poteri dello Stato: legislativo, esecutivo perché

nomina i ministri ed emana decreti, giudiziario

perché è anche giudice.

Egli può limitarsi ad un controllo formale, ovvero

firma qualcosa che non è frutto di una sua decisione

(1 esempio: emana decreti legge dopo aver visto

che non sono anticostituzionali; 2 esempio: controlla

che i contenuti di una legge non vadano contro la

costituzione ma non deve per forza essere in

accordo con il contenuto).

A volte invece gli spetta la decisione, ad esempio

quando nomina i 5 giudici (su 15) della Corte

Costituzionale in modo neutrale; infatti il Governo ne

nomina 3 e se fossero nominati tutti e 8 dal Governo

ci sarebbe un partito dominante.

L’Art. 89 prevede che nessun atto del P.D.R è valido

se non è controfirmato da un ministro; questo perché

il Presidente non risponde delle sue decisioni ma la

responsabilità giuridica è affidata al ministro. La

controfirma può servire per diversi atti:

-Per il de creto legge serve per accertare la sua

provenienza dal Governo.

-Per la nomina dei giudici serve per attestare la

regolarità formale della nomina.

La controfirma invece non serve per le dimissioni e

per le esternazioni ovvero quando il P.D.R partecipa

a delle feste e compie brevi discorsi o quando

rilascia interviste.


PAGINE

6

PESO

17.82 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei servizi giuridici
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher jessica.paradiso di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto costituzionale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Furlan Federico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale

11 - diritti fondamentali, cittadinanza, uguaglianza, lavoro e laicità, espressione, salute, associazione e fondazione, informazione, riservatezza
Appunto
1 -  Lo Stato moderno, la sovranità popolare, le forme di Stato liberale albertino sociale, autoritario e fascista
Appunto
8 - il Parlamento, status di parlamentare, organizzazione elezioni Camera e Senato, funzioni e procedimento legislativo
Appunto
10 - Corte costituzionale, composizione, funzioni legittimità costituzionale, processo sentenze e competenze Stato-Regioni
Appunto