Che materia stai cercando?

6 - Fonti internazionali, organizzazioni internazionali e UE Appunti scolastici Premium

Appunti di diritto costituzionale sulle Fonti internazionali organizzazioni internazionali e UE basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Furlan dell’università degli Studi di Milano Bicocca - Unimib. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Diritto costituzionale docente Prof. F. Furlan

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

convenzioni multilaterali(con più paesi), accordi tra

più Stati. Qua è quindi necessaria una vera legge di

esecuzione.

Ma l’art.80 afferma che di fronte ad alcuni trattati è

necessario l’intervento del Parlamento in modo che il

Presidente della Repubblica abbia il consenso di

ratificare il trattato. Quindi è necessaria anche una

ratifica.

Alcuni trattati non identificati da tale articolo non

hanno bisogno di una ratifica ma il Governo stipula

accordi semplificati.

Invece l’ART.10 afferma che il nostro ordinamento

interno si conforma alle norme consuetudinarie del

diritto internazionale, quindi permette il così detto

Adattamento Automatico; l’Italia fa proprie le

consuetudini in modo automatico e le definisce

norme Costituzionali appunto perché richiamate in

causa dalla Costituzione. Sono comunque norme

inferiori alla costituzione ma superiori alle leggi

ordinarie.

Questo articolo però non identifica i rapporti tra

ordinamento italiano e internazionale, così come non

è in grado l’art.11; tale articolo enuncia che l’Italia

ripudia la guerra come strumento per arrivare alla

pace (così come l’ONU).

Infatti fino al 2001, dato che queste norme

internazionali erano inserite nella Costituzione con lo

stesso procedimento delle leggi ordinarie, erano

considerate norme inferiori. Dal 2001 invece è stato

inserito l’Art.117 che stabilisce i rapporti fra Stato e

Regioni. Esso identifica i vincoli comunitari e gli

obblighi internazionali che quindi sono superiori alla

legislazione italiana. Da qua le norme pattizie

avranno valore superiore alla legge.

Di conseguenza, nel 2007 con le “sentenze gemelle”

la Costituzione afferma che il giudizio di

incostituzionalità doveva avvenire anche sulla base

di quello che diceva il trattato internazionale.

Le organizzazioni internazionali:

- ONU: (organizzazione nazioni unite): grazie

all’Art.11 l’Italia ha aderito a questa

organizzazione con la piena maggioranza nel

1955. Il nostro paese infatti ripudia la guerra e

vuole assicurare pace e giustizia.

Inizialmente l’obiettivo era organizzare un

proprio esercito in modo da impedire che venisse

violata la legalità internazionale. Fu però

attaccato da molti Stati come Russia e USA) e

inoltre le decisioni sull’uso della forza sono prese

dalle potenze vincitrici della seconda guerra

mondiale; esse hanno il diritto di Veto ovvero

annullare decisioni importanti se a loro non sono

gradite.

- NATO: (North Atlantic Treaty Organization):

l’art.5 afferma che gli Stati membri devono

difendersi a vicenda. Nasce inizialmente come

contenimento antisovietico

- DIRITTI DELL’UOMO: alcune convenzioni hanno

dato origine a procedure destinate ad assicurare

la tutela dei diritti umani: ad esempio sono nati

istituti tribunali internazionali , la Corte penale

internazionale, il Consiglio d’Europa e la Corte

europea dei diritti dell’uomo; questi consigli

servono per ripristinare la legalità in quanto

servono al cittadino per far si che la legge venga

rispettata.

- UNIONE EUROPEA: è una confederazione di Stati

dotata di potestà legislativa in alcune materie

(quelle previste dai trattati). Essendo una

confederazione gli Stati gli hanno ceduto parte

della loro sovranità; per questo interviene ad

esempio nell’uscita degli Stati (≠federazione, dal

quale non si esce).

E’ il frutto di un percorso che è iniziato dopo la

2° G.Mondiale:

- 1951: nascita CECA (Comunità Europea

Carbone e Acciaio), spazio doganale comune

dove carbone e acciaio vengono venduti

liberamenti senza dazi doganali in modo da

superare le controversie tra Francia e Germania.

- 1957: nascita CEE (Comunità Economica

Europea), per garantire la libera circolazione di

persone, merci e capitale. Aderiscono 6 paesi e

ha una struttura organizzativa particolare: c’è un

Parlamento, una Commissione per il potere

esecutivo, un Consiglio con i Capi del Governo

degli Stati e una Corte di Giustizia che risolve le

controversie tra gli organi dell’Unione, tra Unione

e Stati e tra diritto dell’Unione e diritto degli

Stati.

Dal punto di vista legislativo cerca di far

diventare simili le legislature per una migliore

circolazione dei prodotti; ciò avviene con le

direttive (l’Unione dà obiettivi da raggiungere

entro un tot. Tempo in modo che gli Stati

adeguino tale fine con la propria legislazione; se

scade il termine la direttiva diventa ad efficacia

diretta) e con i regolamenti (che sono

immediatamente vincolanti in modo uguale per

tutti, senza la necessaria attuazione).

Invece il potere decisionale è nelle mani dei capi

del governo, ovvero dei ministri; per tale motivo

il potere del Parlamento e dell’Assemblea è

inferiore.

- 1993: trattato di Maastricht: che vede la

struttura dell’unione europea come un tempio

greco sorretto da 3 pilastri.

- 1997: trattato di Amsterdam: coinvolge il


PAGINE

9

PESO

20.38 KB

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei servizi giuridici
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher jessica.paradiso di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto costituzionale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Furlan Federico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale

4 Forme di governo nella storia: Monarchia, Governo Parlamentare, presidenziale, semipresidenziale e confederazione elvetica
Appunto
5 - Fonti del diritto con criteri di risoluzione leggi ordinarie riserva di legge e regolamenti
Appunto
3 - Repubblica democratica, Referendum abrogativo, partiti politici, sistemi elettorali e legislazione italiana
Appunto
2 - Stato democratico, Costituzione italiana, Revisione costituzionale, consuetudini e convenzioni costituzionali
Appunto