nina128 di nina128
Ominide 205 punti

Traccia

Da Marguerite Yourcenar è raffigurato nell’ “Opera al nero” l’ambiguo intreccio di purezza e bassezza nel Millecinquecento – se non di sempre. Lo scritto è un romanzo storico in controtendenza rispetto agli innovativi schemi di quando uscì (1968); è un po’ ottocentesco. “Demodé” nelle forme eppure esprime bene nella disillusa amarezza dell’autrice il modernissimo messaggio di un permanente bisogno europeo di riflessione e tolleranza. Se condividete codesto giudizio sul libro individuatevi i punti a sostegno di esso.

Svolgimento

L’opera al nero è un romanzo storico incentrato sulla figura di Zenone, medico, filosofo ed alchimista dei primi anni del Cinquecento.
Egli è uno studioso che segna il passaggio dalla mentalità medioevale a quella dell’età moderna, un’epoca nuova caratterizzata dalle ricerche scientifiche, dalla riscoperta e studio dei classici e dal posizionamento centrale dell’uomo nel mondo. Zenone è un uomo votato alla conoscenza, disprezza i beni materiali e verrà per questo imprigionato come eretico per le sue idee innovative e rivoluzionarie. Egli come medico non può e non vuole limitarsi a quanto consentito dalla religione o dalla superstizione e cerca delle risposte alle sue domande sulla natura umana.

Il periodo storico in cui sono ambientate le vicende del protagonista è ben preciso, contrassegnato dalla corruzione della Chiesa e dal conseguente auspicio di purificazione della società e profondo rinnovamento della Chiesa portato avanti dai princìpi della Riforma protestante, e dalla separazione tra scienza e religione che portò alla lotta sanguinosa tra cattolici, luterani ed eretici.
Ciò che l’autrice narra è attuale poiché Zenone con le sue riflessioni cerca di liberarsi dai pregiudizi ma si scontra con la cultura dominante dell’epoca, che era intollerante nei confronti della ricerca fine a se stessa, ricerca che Zenone porta avanti come scienziato e uomo di lettere per l’epoca moderno. Infatti cura chiunque senza fare alcuna differenza di casta e senza nessun coinvolgimento emotivo.
Oggi si pongono gli stessi problemi soprattutto relativi ai rapporti tra i popoli del nord e del sud del mondo. È necessario migliorare l’accoglienza agli immigrati ed extracomunitari, ed è questo un obiettivo da affrontare senza egoismi e polemiche capaci solo di far perdere di vista i problemi principali. Occorre una considerazione più ampia ed eticamente più giusta verso le persone portatrici di culture diverse dalla nostra. Bisognerebbe perciò tendere a un positivo incontro tra popoli e culture anche di origine molto lontana. Avere più rispetto per i diritti universali dell’uomo, poiché il razzismo e l’intolleranza, che si coprono di pretese scientifiche false e dettate dall’egoismo, sono ostacoli alla realizzazione di valori umani importanti.
Il libro spiega chiaramente che spiritualità e scienza sono ed erano perennemente in lotta, pronte ad escludersi a vicenda e per questo il pensiero di studiosi come Zenone sono da prendere a mio avviso ad esempio.

Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email