Tutor 40818 punti

tema di italiano sul genere del fumetto


Che cos'è il fumetto


Il fumetto è un linguaggio costituito dall'unione di immagini e di testo. I fumetti nacquero e si svilupparono nel diciannovesimo secolo in tutta Europa. Venivano utilizzati soprattutto dalle corporazioni sindacali a scopo satirico e potevano essere o a puntate o a singole edizioni. Spesso venivano pubblicati sui giornali per ironizzare gli eventi più importanti. Più tardi vennero introdotti i primi personaggi, che erano fissi e che divennero i protagonisti delle vignette. Il personaggio che nell'Ottocento diede il via all'industria del fumetto statunitense come fenomeno di massa fu Yellow Kid, il bimbo nato dalla fantasia di Richard Felton Outcault e caratterizzato da un camicione giallo su cui venivano scritte le battute che pronunciava. Comparve per la prima volta sul New York World del 7 luglio 1895.

Come evolse il fumetto


Nel corso del secolo il genere di tali fumetti evolvette; il tema non era più solo la satira ma nacquero i primi fumetti rappresentanti supereroi e fantastici. Nel ventesimo secolo i fumetti approdarono in Giappone. Qui la sceneggiatura ed il disegno tradizionale incontrarono la cultura locale. Questa fusione generò il manga, che divenne uno dei settori principali dell'industria editoriale giapponese e che sta rappresentando tutt'oggi un'attività estremamente redditizia in tutto il mondo. Oggigiorno tra i fumetti più diffusi ci sono quelli western, quelli gialli, e quelli sui supereroi. Tale produzione letteraria si basa fortemente sull'uso delle onomatopee, dei dialoghi e delle didascalie. In conclusione l'industria del fumetto, oltre ad avere un indiscutibile valore artistico e letterario, è un mercato florido; basti pensare che le esportazioni giapponesi di manga fatturano all'anno circa 406 miliardi di yen.

A cura di Stefano.

Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email