Erectus 514 punti

Caratteristiche del Saggio Breve

Il saggio breve

Come si scrive un saggio breve? Questa è la domanda che assilla molti studenti soprattutto man mano che si avvicina l'esame di Maturità. Infatti il saggio breve è rappresenta un'ancora di salvezza per tutti i maturandi: ci sono ben quattro tracce tra cui scegliere e inoltre il materiale informativo è incluso nel testo. Insomma non bisogna aver studiato a fondo un argomento per poter scrivere un saggio breve. Tuttavia bisogna saperlo fare. In questo articolo vi spiegheremo come si svolge a partire proprio dagli esempi più recenti dell'Esame di Stato 2013 sono usciti i seguenti saggi brevi:

Saggio artistico - letterario >> Individuo e società di massa
Saggio scientifico >> La ricerca scommette sul cervello
Saggio socio - economico >> Stato, mercato e democrazia
Saggio storico - politico >> Gli omicidi politici

Ma come si svolge un saggio breve? Ci sono delle regole da rispettare per la sua buona riuscita? Senza dubbio, la risposta è si. Vediamo insieme come si realizza facilmente un buon saggio breve.

PUNTO 1 - Il saggio breve è un testo argomentativo
Si deve partire proprio da questo punto per capire come si scrive un saggio breve. Infatti, a differenza del tema che è una trasposizione delle proprie conoscenze, il saggio breve è una trasposizione di conoscenze. Nell'articolo di giornale si descrive una tesi, nel saggio breve si deve essere critici, attraverso documenti, per dimostrare una tesi. Si può far trapelare in modo indiretto la propria opinione.
Esistono quattro tipi di saggio breve: tecnico/scientifico, storico/politico, socio/economico e artistico/letterario. Si usa sempre il pronome personale "io", mentre nel testo espressivo ci si concentra sul mittente e quindi si utilizza la prima persona.

PUNTO 2 - Non convincere, ma dimostrare
Il saggio breve non è una scrittura persuasiva, si deve semplicemente dimostrare una tesi. Non è una scrittura descrittiva, perché non deve avere l'immediatezza dell'articolo. Come detto, il saggio breve, vuole dimostrare una tesi attraverso documenti (messi a disposizione, o di propria conoscenza). Per analizzare i documenti, questi si leggono e si scelgono le parti migliori. Quelle significative ai fini della tesi. Già attuando questa scelta si capisce la tendenza dell'autore che non può essere espressa esplicitamente. Si può citare una frase in modo esplicito (mettendola tra virgolette e senza superare le due righe), o in modo implicito, sintetizzandola. Si usano le espressioni: "Come scrive il filosofo", "Come si vede dallo schema" e così via. Se un autore è poco conosciuto si cita, altrimenti è preferibile non farlo. Il saggio breve, infatti, è indirizzato ad un pubblico colto, che già conosce l'argomento e deve valutare le conoscenze di chi scrive.

COME SI SCRIVE UN SAGGIO BREVE

Lead - E' l'introduzione che può presentarsi sotto forma di: enunciazione (un piccolo cappelletto), domanda, definizione della questione, in forma perentoria (frase d'effetto, simile al linguaggio giornalistico), citazione.

Background - Si tratta di uno sguardo indietro nel tempo, una piccola storia dell'argomento trattato.
Focus - E' un elemento centrale della tesi, razionale e sintetico.

Analisi - L'analisi dei documenti ai fini di un ragionamento, che serva a dimostrare la tesi.
Conclusione - E' un periodo, una frase conclusiva, che ribadisca, definisca la propria tesi, confermandola.

Esercitati con i saggi brevi degli esami di Maturità degli anni passati!

Hai bisogno di aiuto in Saggi brevi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email