Ominide 457 punti

Saggio breve ambito artistico-letterario - Argomento: Amore, odio, passione


A ognuno il suo amore


Amore, odio, passione: tre stati d’animo che caratterizzano da sempre la vita dell’uomo. Nella letteratura i più grandi autori li hanno messi al centro delle loro opere, cercando di analizzarli e raccontarli nelle loro innumerevoli forme.
Alessandro Manzoni ne “I Promessi Sposi” ci parla anche della passione e l’amore proibito di Gertrude nei confronti di Egidio. Gertrude, la famosa Monaca di Monza, era stata costretta dalla famiglia a diventare monaca, senza avere quindi la vocazione e destinata a vivere una vita non scelta da lei. Egidio era invece un giovane scapestrato. Questo tipo d’amore è a volte inaspettato perché non direttamente cercato: semplicemente accade, e a volte non è possibile impedirlo.
A volte l’amore e la passione possono essere dannosi, rendendo colui che li prova debole, perché ritiene che la sua vita non possa continuare senza la persona amata. È un sentimento che provoca dolore e che rende l’individuo direttamente dipendente da qualcun altro, impedendogli di vivere la propria vita in maniera libera. È una situazione riscontrabile anche nella società d’oggi, nelle relazioni complicate in cui donne o uomini che siano non riescono a rendersi conto della situazione in cui si trovato se qualcuno non glielo fa notare. Anche nella letteratura questo tipo d’amore dannoso, violento è stato trattato, come per esempio da Giovanni Verga.

Nella novella “La Lupa” tratta dall’opera Vita nei campi pubblicato nel 1880, la lupa rappresenta una donna, quasi dal carattere demoniaco, che riesce a sedurre un giovane che poi, esasperato da questo amore, compirà il gesto estremo di ucciderla. L’amore è anche descritto come opera d’arte, da d’Annunzio ad esempio, sia ne “Il Piacere” che ne “Il trionfo della morte”, dove l’amore tra i protagonisti è a volte impossibile, ma terribilmente desiderato.

“… poté sperimentare quanto importante sia il possesso di una donna lungamente desiderata”, scriveva così Italo Svevo in “Senilità”. Spesso, ottenendo ciò che si desiderava da tanto tempo, riesce a farci capire se veramente era ciò che volevamo o solo ciò di cui avevamo bisogno in quel momento. Non sempre una volta ottenuto ciò ci sentiamo bene e felici come avevamo invece immaginato desiderando una certa persona, un oggetto, un momento aspettato da tanto tempo. Si può invece rimanere delusi scoprendo che l’oggetto del desiderio è in realtà qualcosa che non ci si aspettava ed è in realtà qualcosa che si odia.

L’amore e la passione raccontati dai poeti e dagli autori prende spunto anche dalla vita quotidiana, dall’esperienza che essi o gli individui vicino a loro hanno vissuto. Ma essi sono diversi da situazione a situazione e da persona a persona. Ogni amore narrato nella letteratura, italiana e non, ha caratteristiche comuni pur rimanendo unico e singolare, perché tra individui a loro volta unici e caratterizzati dalle loro paure, dai loro desideri e dai loro sentimenti.

Hai bisogno di aiuto in Saggi brevi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email