Video appunto: Massificazione del turismo
Nella metà del 800 abbiamo superato la dimensione aristocratica del viaggio, siamo nella fase borghese, in cui succedono diverse cose: la rivoluzione industriale: nei grandi centri urbani come Londra Parigi Vienna si innestano grandi nuclei industriali che attirano persone dalle campagne (lavoratori, operai) e quindi nasce la classe borghese che ha potere d'acquisto (classe dei capitalisti) e la classe operaia.
Queste agenzie di viaggio di diffondono molto velocemente perchè circola più moneta nelle grandi città, c'è più gente.
L'agenzia di viaggio permetteva di capire qual era la propria destinazione in base alla propria esigenza economica.
La dimensione economica quindi ha da subito a che fare con turismo: un imprenditore poteva aspirare a fare un viaggio lungo, mentre l'operaio un viaggio più corto.
Il turismo si massifica in tutta Europa e anche in Italia quando c'è il tempo per sè, quando ci si libera dal tempo di lavoro e durante l'anno si può avere un quantum di giorni per la cura di sè (ferie): questo è un altro passaggio ulteriore che accade durante il 900.

Tipi di turisti



L'immigrato non dovrebbe essere turista ma in alcuni contesti lo è.
Esiste poi il turismo congressuale: il professionista che sta sempre in giro per lavoro è turista? Sì perchè spesso all'attività professionale è agganciata un'attività di riposo, ricreativa (cene sociali, escursioni, ...)
Chi va alle terme perchè ha problema di salute è un turista? Può esserlo