Ominide 2387 punti

2. Coperture continue: lo strato di tenuta all'acqua è senza interruzione con materiali impermeabilizzanti saldati insieme per non avere punti discontinui e quindi si ha bisogno di una pendenza minima (meno del 5%) per lo smaltimento, creato da un massetto in calcestruzzo posto o sopra l'isolante o sopra lo strato portante. La copertura piana può essere praticabile e può avere varie funzioni (parcheggio, giardino...). La guaina è sensibile ai raggi UV e deve essere protetta da pavimentazione o ghiaia. La guaina impermeabilizzante deve risvoltare sempre a 45° e di almeno 15 cm in caso di rilievi verticali per evitare infiltrazioni. La classificazione per strati funzionali, che mostra il comportamento termico, le divide in:
• non isolata: costituita dall'elemento impermeabile sopra quello portante -> per spazi pubblici aperti (mercati, tribune...)
• isolata: con isolamento termico con al di sotto una barriera al vapore
• isolata rovescia: con isolante al "rovescio" (sopra al manto impermeabile) che consente l'infiltrazione delle acque fino al manto impermeabile che viene protetto dall'isolante. Ciò provoca un comfort termico in estate ma uno svantaggio in inverno. Gli isolanti sono esposti alle intemperie e devono avere delle determinate caratteristiche, di solito si usano vetro cellulare o materiali plastici -> in climi caldi

• isolata e ventilata: la ventilazione si trova tra l'isolamento termico e l'impermeabilizzazione, per poterlo realizzare bisogna avere 2 strutture di supporto dove l'isolamento va applicato a quello inferiore -> per tetti non accessibili

Hai bisogno di aiuto in Tecnica delle costruzioni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email