Genius 13146 punti

Tecnologia e arte, caccia e raccolta

L’età paleolitica si protrasse da 3 milioni di anni fa fino al 10.000a.C. circa, comprendendo dunque l’epoca dell’Homo habilis e degli ominidi successivi. E’ quindi un periodo estremamente lungo, esteso alcuni milioni di anni, durante i quali a poco a poco l’uomo divenne capace non solo di sfruttare le risorse naturali, anche di modificare a proprio vantaggio l’ambiente, grazie ad alcune tecnologie di base (fabbricazione di armi, uso del fuoco, costruzione di abitazioni e di altri manufatti). Tra le varie tecniche, la più importante fu sicuramente la capacità di accendere e conservare il fuoco. L’uso del fuoco, infatti, consentì di cuocere gli alimenti, rendendo il cibo più assimilabile, con enormi benefici per il miglioramento della specie; il fuoco svolgeva inoltre un ruolo importante nella caccia e nella difesa dagli animali feroci. La comunicazione avveniva attraverso una forma già relativamente evoluta di linguaggio, che permetteva una più sistematica trasmissione di quanto veniva via via acquisito. Fin dal tardo Paleolitico, inoltre, sono testimoniate attività “superiori” (ossia non volte esclusivamente alla sopravvivenza), come la decorazione delle grotte: di particolare rilievo artistico sono quelle di Lascaux e Niaux in Francia e di Altimira in Spagna.

Sin dalle più remote fasi del Paleolitico è attestata per gli uomini l’esistenza di un’organizzazione sociale. Si può pensare che per la maggior parte del Paleolitico gli uomini siano vissuti in bande di poche decine di individui, senza altre divisioni interne; si cacciava insieme e la selvaggina e gli altri generi alimentari erano spartiti collettivamente. Esisteva però, probabilmente, una divisione del lavoro fra sessi. Si viveva di caccia e raccolta ma la prima era praticata soprattutto dagli uomini e la seconda dalle donne. Queste ultime, impegnate per una gran parte della loro vita da gravidanze, allattamento e cura dei figli, erano meno mobili e si dedicavano alla raccolta dei vegetali commestibili e dei piccoli animali: un’attività che ha dato un notevolissimo contributo alla sopravvivenza.

Hai bisogno di aiuto in Preistoria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove