Storia dell'Africa riassunto


L'Africa è stata la <<culla dell'umanità>>. Nelle sue foreste, a partire da 3.500.000 anni fa, iniziò l'evoluzione degli australopitechi, i nostri più remoti antenati, che si estinsero circa 2.500.000 anni fa, quando, nelle savane africane, comparvero i primi rappresentanti del genere Homo: Homo habilis e successivamente Homo erectus. La savana è stata dunque l'ambiente nel quale [h3][/h3]sono avvenuti passaggi decisivi dell'evoluzione umana. La nostra specie, Homo sapiens, ha avuto origini africane: resti fossili di sapiens, databili all'incirca 195.000 anni fa, sono stati trovati in depositi fluviali in Etiopia. Dall'Africa, i sapiens si sono diretti, a partire da circa 100.000 anni fa, verso gli altri continenti.
Dobbiamo distinguere le vicende che riguardano l'Africa mediterranea o Africa del Nord da quelle del resto del continente. La storia del Nord Africa, presenta caratteristiche comuni al percorso degli antichi popoli dell'Asia occidentale e dell'Europa. Infatti in certe aree settentrionali, come la Valle del Nilo, l'agricoltura fu praticata molto prima che nel resto dell'Africa e le eccedenze agricole favorirono la formazione di una grande organizzazione statale centralizzata, come quella dell'Egitto dei faraoni. Il resto del continente ha invece avuto a lungo una storia separata da quella asiatica ed europea. In base alle attività delle differenti regioni africane, si ebbero forme organizzative diverse.
Hai bisogno di aiuto in Preistoria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email