Ominide 578 punti

Cause della Rivoluzione francese: crisi agricola in Francia

A fare esplodere la situazione fu la crisi che colpì l'Europa tra il 1770 e 1790 e la Francia tra il 1786 e il 1789.
- Diminuzione dei prodotti agricoli, dovuta a condizioni climatiche
- Carestie nelle campagne e nelle città
- Problemi per il rifornimento dei cereali → Aumento dei prezzi
La crisi nelle campagne arrivò in un periodo di aumento demografico per questo si rilevò disastrosa per contadini artigiani e salariati.
I contadini, non potendo sostenere le tasse (corvées), abbandonarono i campi in cerca di lavoro nelle città, ma finirono solo per aumentare il numero di disoccupati.
La concorrenza inglese aveva messo in crisi il settore manifatturiero francese, provocando chiusura di fabbriche e protesta di operai (senza lavoro)
La conflittualità fece unire il Terzo Stato (borghesi, contadini e operai) contro la nobiltà e l'alto clero, facendo nascere un senso di paura tra le classi.

Dal 1788 si verificò una mancanza di prodotti agricoli che fece aumentare i prezzi dei cereali e del pane, aggravando la miseria e facendo crescere il numero degli affamati.
Una grande responsabilità della crisi fu attribuita alla monarchia di Luigi XVI (1754-1793), che isolato a Versailles, sperperava denaro.
La Francia aveva affrontato guerre, subendo sconfitte che avevano provocato la perdita delle colonie e aggravato le finanze pubbliche.
La crisi fu quindi dovuta a:
1) Nobiltà e clero che non pagavano le tasse.
2) Guerre.
3) Sprechi alla corte.
Divenne necessaria una riforma fiscale a causa dell’aumentare del deficit, realizzabile però solo quando al potere ci sarebbe stato un sovrano intelligente e con energia e non Luigi XVI, un uomo debole, indeciso e malconsigliato dalla moglie Maria Antonietta.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email