Ominide 8727 punti

Il Rinascimento

Il significato della parola Rinascimento


Gli Umanisti usarono l’espressione Rinascimento per indicare la loro epoca (dal Quattrocento a metà Cinquecento) poiché si proponevano la rinascita della grandezza del mondo classico.
Il termine Rinascimento piaceva agli umanisti perché era espressione della consapevolezza di essere entrati in un’epoca nuova, nuova rispetto al Medioevo dominato dalle barbarie e dall’ignoranza.
Firenze fu la prima capitale del Rinascimento, poi a partire dal 1492, dopo la morte di Lorenzo il Magnifico, venne sostituita da Roma.

Il rinascimento riguardò solo le persone colte


Le novità della cultura rinascimentale riguardarono solo una ristretta cerchia di persone colte e raffinate. Esse lavoravano nelle amministrazioni cittadine o vivevano nelle corti principesche del XV e XVI secolo. I signori raccolsero nelle loro corti gli artisti più famosi e controllarono le università e i collegi.
L’interesse per la cultura e l’arte aveva due scopi:
- formare personale che doveva lavorare per lo Stato;
- dare prestigio e splendore al signore, o al re , alla sua corte e alla città.

Il mecenatismo


Fu l’epoca del mecenatismo, cioè l’impegno dei signori a proteggere e mantenere artisti e studiosi, in diversi settori, dalla letteratura all’arte alle scienze. Questo modo di agire fu assai diffuso: fu certamente uno stimolo per la cultura, ma anche un modo per guadagnare il consenso dei cittadini.
Il principe e la nuova scienza politica
Signore di Firenze dal 1469 al 1492, Lorenzo de’ Medici, soprannominato il Magnifico, fu egli stesso raffinato letterato e cultore delle arti. Sotto il suo governo sorse il mito del principe saggio e generoso. La figura del principe e delle varie forme possibili di Stato sono i temi dell’opera del fiorentino Niccolò Macchiavelli. Nel suo trattato intitolato Il Principe egli sosteneva che l’uomo di governo non doveva lasciarsi condizionare da norme morali o religiose. Secondo lui la politica era l’arte di governare il cui unico obiettivo consisteva nella conservazione dello Stato.
Qual è la differenza tra Umanesimo e Rinascimento?
Umanesimo è il movimento ideologico e letterario in cui iniziano a farsi strada le nuove idee, un concetto che investe sulle arti letterarie (filologia).
Rinascimento è il periodo storico con cui, proprio per via di questa rivoluzione del pensiero, si segna l’inizio di una feconda e ricchissima produzione artistica-letteraria.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità