Sapiens Sapiens 13859 punti

La politica economica della Francia nel XVII secolo

La politica economica francese del XVII secolo prende il nome di Colbertismo, dal ministro di Luigi XVI, Colbert. In essa lo Stato ha un intervento talmente spiccato che alcuni storici affermano che si è trattato di un’ anticipazione del socialismo di Stato.
Colbert parte dall’esempio dalla Repubblica delle Sette Province Unite, uno stato molto ricco la cui economia si basava soprattutto sull’attività commerciale; si pose l’obiettivo di imitarla e di strapparle la supremazia economica. Ma per raggiungere tale scopo era necessario trasformare la Francia da un paese soprattutto agricolo in un paese industriale, commerciale e dotato di una forte flotta. Per fare questo, decide di imporre il sistema protezionistico, cioè colpendo con forti dazi la merce proveniente dall’ Olanda e dall’ Inghilterra per fare sì che le industrie locali siano stimolate a produrre di più e ad attirare la mano d’opera straniera. Colbert arrivò perfino a creare delle industrie manifatturiere di Stato come la Saint-Gobain, specializzata nella fabbricazione di specchi e la Gobelin, fabbricante di arazzi.
In ambito marittimo, egli si preoccupa di allestire una importante flotta mercantile e da guerra con l’intervento dello Stato, il cui capitale, in certi casi veniva sottoscritto dallo stesso Luigi XIV. Sorgono così delle compagnie di navigazione che godono di molti privilegi il cui ruolo è di commerciare con i paesi d’oltre mare di gettare le basi dell’espansione coloniale.
• Nel Mediterraneo operava la Compagnia del levante che si serviva dell’appoggio dei Turchi e degli stati dell’Africa del Nord
• Nel Baltico era attiva la Compagnia del Nord, che si appoggiava alla Svezia da sempre alleata della Francia
• In Asia, solcava i mari la Compagnia delle Indie Orientali, in concorrenza contro l’Olanda e che creò i primi stabilimenti coloniali francesi sulle ciste dell’India come Pondichéry e Chandernagor
• In Africa aveva rapporti la Compagnia del Senégal
• In America estendeva il suo raggio di azione la Compagnia delle Indie Occidentali in modo tale da estendere il dominio coloniale francese dai Grandi Laghi e dalla regione del Saint-Laurent fino alla valle del Mississipi per arrivare al golfo del Messico dove fu fondata la Luisiana, chiamata così in onore di Luigi XIV. L’attività commerciale dei porti francesi fu raddoppiata e ne furono creati anche di nuovo come Lorient (= L’Orient) specializzato nel commercio dei paesi dell’Asia
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email