Le nuove potenze coloniali

L'Olanda seguì il modello di colonialismo: non costituì un impero coloniale vero e proprio, ma cercò di garantirsi il dominio
dei traffici acquisendo il controllo dei centri strategici del commercio mondiale.
Grande importanza rivestirono la Compagnia Unita delle Indie Orientali e la Compagnia delle Indie Occidentali.
L'Inghilterra iniziò l'espansione coloniale tra la fine del Cinquecento e l'inizio del Seicento.
A differenza dell'Olanda mirò alla fondazione di colonie di popolamento, prevalentemente nell'America del Nord.

Successivamente impose alle colonie di commerciare solo con la madrepatria.
La Francia fu l'ultima potenza europea a entrare nella competizione coloniale.
A partire dal Cinquecento venne esplorato il Canada, ma un'organica politica coloniale si attuò solo per iniziativa di Richelieu.
Tuttavia l'onerosa guerra dei Trent'anni bloccò i suoi progetti.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email