Ominide 5668 punti

La nascita dell'età moderna

Il Nuovo Mondo , scoperto da parte di Cristoforo Colombo, venne chiamato , negli anni successivi, America, dal nome del navigatore Amerigo Vespucci, il quale esplorando le nuove terre comprese che gli Europei erano giunti in un continente fino ad allora sconosciuto. Il successo dell’impresa di Colombo incoraggiò esplorazioni ancora più audaci. Ad esempio la spedizione di Magellano, che costeggiò l’America fino all’estrema punta meridionale, superò lo stretto passaggio di mare che oggi si chiama appunto Stretto di Magellano, raggiunse le Indie e poi fece ritorno in Europa. Grazie a questa prima circumnavigazione della Terra, le conoscenze geografiche si ampliarono e gli Europei scoprirono che il mondo era molto più vasto di quanto si fosse creduto nel Medioevo e che gli oceani erano collegati fra loro. Con i primi viaggi d’esplorazione iniziò anche la conquista da parte degli Europei dei territori del continente americano. I Portoghesi e gli Spagnoli furono i primi a trarre vantaggi economici dai territori conquistati, portando nei loro Paesi enormi ricchezze: oro e argento, oltre a nuovi prodotti come il mais, la patata, il pomodoro, il tabacco, il peperone. L’Italia, invece, fu danneggiata dalle nuove rotte commerciali mondiali che ormai passavano per l’Atlantico. Le potenti città marinare italiane iniziarono il loro declino. Altri Paesi si stavano imponendo in un mondo improvvisamente diventato molto più grande. Era un cambiamento enorme, preparato e accompagnato da nuovi modi di pensare e di vivere. La data della scoperta dell’America, 1492, è stata scelta dagli storici per segnare la fine del Medioevo e l’inizio dell’età moderna.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email