Video appunto: Maria Stuarda


All’interno di questo appunto è possibile trovare una descrizione ed un’analisi della biografia, dei viaggi e dell’attività, per punti, riguardo Maria Stuarda. Viene descritto per bene tutto ciò che riguarda il celebre personaggio storico inglese, con analisi anche della sua giovinezza, il suo ritorno in Scozia e la divisione religiosa, il suo rapporto con Elisabetta I, l'abdicazione e anche la prigionia, l'esecuzione avvenuta nel corso del Cinquecento.
Vengono quindi analizzati tutti gli aspetti salienti della sua vita finita tragicamente con l'esecuzione finale.

Indice
Biografia di Maria Stuarda
Giovinezza in Francia
Il ritorno in Scozia e la divisione religiosa
L'abdicazione e la prigionia
L'esecuzione


Biografia di Maria Stuart



Ecco alcune informazioni biografiche su Maria Stuarda:


  • Nata a Linlithgow, l’8 dicembre 1542;

  • Fu regina di Scozia dal 14 dicembre 1542 al 24 luglio 1567;

  • Regina consorte di Francia dal 10 luglio 1559 al 5 dicembre 1560;

  • Regina d’Inghilterra nell’epoca in cui Elisabetta I non fu riconosciuta come legittima erede di Enrico VIII;

  • A soli nove mesi venne consacrata per diritto divino;

  • Scappò dalle guerre anglo – scozzesi;

  • Cresciuta in un ambiente colto e raffinato della corte francese di Caterina de’ Medici;

  • Ebbe un’ottima educazione, anche se non riuscì ad approfondire gli studi in ambito politico, dal momento che, essendo regina consorte di Francia, non avrebbe avuto potere effettivo;

  • Quando morì il primo marito, Francesco II, re di Francia, tornò in Scozia, dove l’attendeva lo scontro con la nuova religione calvinista, che venne istituita durante la sua assenza;

  • Scappò in Inghilterra, pensando di essere aiutata dalla cugina cioè dalla regina protestante Elisabetta I d’Inghilterra, che però la imprigionò per circa vent’anni;

  • Durante questi vent’anni, divenne l’anima del cattolicesimo inglese;

  • Furono fatti molti complotti per assassinare Elisabetta e far salire al trono Maria;

  • Divenne, quindi, il simbolo vivente della Controriforma;
  • Venne sacrificata nella lotta tra la Spagna cattolica di Filippo II e l’Inghilterra protestante di Elisabetta I;

  • Fu condannata a morte;

  • Il suo unico figlio, Giacomo VI di Scozia e d’Inghilterra, fu il primo re britannico che riunì i domini scozzesi a quelli inglesi.



Giovinezza in Francia




  • Maria Stuarda inviata in Francia nel 1548 per trascorrere i suoi successivi tredici anni alla corte dei Valois, in cui i suoi parenti, ovvero i Guisa, regnavano sugli ultimi membri di questa dinastia;

  • Enrico II si offrì per proteggerla e crescerla;

  • Il 7 agosto 1548, la flotta francese inviata da Enrico II salpò da Dumbarton per andare in Francia portando Maria Stuart;

  • Era accompagnata da un piccolo entourage formato da due signori; due fratellastri; dalle “quattro Marie”, ovvero quattro bambine della stessa età della regina di Scozia, tutte con lo stesso nome, Maria, erano figlie delle famiglie più nobili scozzesi: Beaton, Seton; Fleming e Livingston;

  • ricevette la migliore istruzione;

  • Aveva la padronanza di molte lingue le più importanti erano: francese, latino, greco, spagnolo, italiano e la lingua scozzese;

  • Imparò a suonare due strumenti: il liuto e il virginale;

  • Le venne insegnato anche: la prosa, la poesia, l’equitazione, il ricamo e la caccia con il falcone;

  • Il 24 aprile 1558 si sposò con Francesco;

  • Rispetto a Maria, Francesco era ritenuto immaturo;

  • Il 1° luglio 1559, Enrico II durante una giostra, rimase ferito da una scheggia di una lancia e morì il 10 luglio;

  • Maria divenne la regina consorte di Francia con Francesco che divenne re come Francesco II.



Il ritorno in Scozia e la divisione religiosa




  • Maria Stuarda sbarcò a Leith il 19 agosto 1561;

  • L’educazione che ricevette in Francia le aveva donato molti talenti, ma non la capacità di affrontare la pericolosa e complicata situazione politica scozzese di quel tempo;

  • Essendo devota cattolica romana, fu guardata con sospetto da molti dei suoi sudditi, anche da Elisabetta;

  • La Scozia, infatti, era divisa tra le fazioni cattoliche e quelle protestanti, in quest’ultime era presente come leader il fratellastro illegittimo di Maria Stuarda, Giacomo Stewart;

  • John Knox, un riformatore calvinista, predicò contro Maria, condannandola per l’ascolto della messa, la pratica della danza, per degli abiti troppo elaborati e molte altre cose, reali o immaginarie che fossero;

  • Maria, da tutte queste condanne, non riuscì a difendersi;

  • Tuttavia, nominò il fratellastro come suo principale consulente;

  • In questo, ella palesò la lacuna di un potere militare rispetto ai lord protestanti;

  • Così, si unì a Giacomo nella distruzione del capo della fazione cattolica, Lord Huntly, nel 1562;

  • Nel dicembre 1561 furono presi degli accordi per far incontrare le due regine d’Inghilterra, Elisabetta e Maria, a York o Notthingam, nell’agosto o settembre 1562;

  • Elisabetta, però, inviò Sir Henry Sidney a luglio per cancellare l’incontro a causa della guerra civile scoppiata in Francia;

  • Nel 1563, Elisabetta tentò un’altra via per neutralizzare Maria Stuarda, suggerendole di sposare Robert Dudley, conte di Leicester, del quale Elisabetta si fidava, in quanto si riteneva che fosse un suo favorito o comunque un amante, qualcuno che avrebbe potuto controllare facilmente;

  • La sovrana inviò un ambasciatore per riferire a Maria la proposta di Elisabetta di sposare Dudley ma Maria rifiutò.



L'abdicazione e la prigionia




  • Il 24 aprile 1567 Maria Stuarda visitò per l’ultima volta suo figlio Giacomo, che aveva solo dieci mesi;

  • Durante il suo ritorno a Edimburgo, venne rapita da Bothwell e dai suoi uomini e condotta al castello di Dunbar, dove quest’ultimo abusò di lei;

  • Il 6 maggio ritornarono ad Edimburgo e, dopo il tempestivo divorzio di Bothwell, il 15 maggio, presso il palazzo di Holyrood, Maria lo sposò, in quanto costretta, con il rito protestante;

  • La nobiltà scozzese si rivoltò contro i due e sollevò un esercito contro di loro;

  • Si confrontarono, senza nessuna battaglia, a Carberry Hill il 15 giugno, poiché Maria accettò di seguire i lord a condizione che essi la reinsediassero sul trono, lasciando andare Bothwell;

  • Bothwell fu incarcerato in Danimarca e morì nel 1578 in prigione;

  • I lord non mantennero questa promessa infatti riportarono Maria ad Edimburgo e la imprigionarono nel castello di Loch Leven;

  • Tra il 18 giugno e il 24, abortì due gemelli;

  • Il 24 luglio del 1567 fu costretta ad abdicare al trono scozzese in favore di suo figlio, Giacomo, che aveva solo un anno

  • Il 2 maggio 1568 Maria Stuarda scappò da Loch Leven, riuscendo a radunare un piccolo esercito e gettandoli in battaglia;

  • Dopo la sconfitta, il 13 maggio, si rifugiò in Inghilterra, sulla base di una lettera della cugina Elisabetta che le prometteva aiuto;

  • Quando Maria entrò in Inghilterra il 19 maggio, fu imprigionata dagli ufficiali di Elisabetta a Carlisle;

  • Fu trasferita nel castello di Bolton a luglio 1568 dove vi rimase fino al gennaio 1569, quando fu reclusa nel castello di Tutbury;

  • Dopo alcune discussioni in riferimento alle modalità con cui processare Maria, Elisabetta ordinò un’inchiesta e, nonostante l’inizio del processo fu ritardato a causa di due complotti, si svolse a York dall’ottobre del 1568 fino al gennaio del 1569.



L'esecuzione




  • Avvenne l’8 febbraio 1587 presso il castello di Fotheringhay, Maria Stuarda morì all’età di 48 anni;

  • Sul patibolo erano presenti le sue dame, Elizabeth Curle e Jane Kennedy, che l’aiutarono a spogliarsi, rivelando un sottabito rosso cremisi, ovvero il colore della passione dei martiri cattolici, scelto apposta dalla regina, la quale davanti ai protestanti inglesi voleva morire da martire cattolica;

  • Il momento della decapitazione fu brutale perché il capo della regina si staccò solamente al secondo colpo;

  • Dopo la morte, la sovrana subì l’umiliazione da parte della “ostensio” davanti la folla;

  • Elisabetta morì nubile, senza figli quindi sul letto di morte designò re d’Inghilterra il figlio di Maria, Giacomo Stuart, di religione protestante.



A cura di Fabiola.