pexolo di pexolo
Ominide 6523 punti

La legge salica

Quando, in età moderna, ci si reca in giudizio presso un tribunale non si sa chiaramente quale diritto applicare, perché le fonti del diritto sono tantissime: la fonte del diritto per eccellenza è il Diritto romano e in particolar modo quello giustinianeo, cioè il Codice redatto dall'imperatore Giustiniano, che aveva fatto una sorta di codice civile, il principale punto di riferimento; poi, però, ci sono alcune consuetudini che hanno valore di legge, come i decreti reali, in cui si possono applicare dei princìpi giuridici generali per delle fattispecie speciali.

Ad esempio, la Legge Salica (che impediva in alcuni regni l’ascesa al trono delle donne), che proveniva dai Germani (dai Barbari) e che era diventata uno dei fondamenti tradizionali del Diritto feudale (perché il rapporto di fiducia diretta, di dipendenza, fra il signore e il vassallo, oppure tra il capo dell’orda barbarica e i suoi comandanti, è un rapporto personale tra maschi), rappresentava un principio giuridico proveniente da una cultura diversa da quella dell’antica Roma: essa era derivata dalla fusione di due culture distinte (all'origine dell’Europa moderna e contemporanea), cioè della tradizione greco-latina e ciò che importiamo dalle tradizioni barbare. Tale fusione aveva fatto sì che non solo la Legge Salica fosse penetrata nel mondo europeo e fosse stata a fondamento della successione a tutti i feudi dell’Europa medievale, ma in alcune aree geografiche era stata usata per contestare la successione al trono delle discendenti femmine, in particolar modo in Francia.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email