Nascita e storia della monarchia parlamentare inglese

Dopo la morte della regina Elisabetta I , il trono inglese si ritrovò senza un erede, dato che la regina defunta non si volle mai sposare. Perciò salì al trono un suo discendente più prossimo, Giacomo I Stuart. Il re scozzese salendo al potere unificò la corono scozzese e quella inglese. Non c'era molta stabilità nella monarchia dato che c'era una divisione religiosa. La chiesa anglicana perseguitava i calvinisti e i cattolici, ma essi si rifiutavano di convertirsi. Giacomo I cercò allora di attuare un governo assolutistico, cercando di escludere il parlamento dalle decisioni, e di imporre la fede anglicana. Nel 1625 gli succedette il figlio Carlo I Stuart, che con l'appoggio della chiesa anglicana perseguitò i seguaci di altre fedi religiose, e cercò anche di instaurare una monarchia assoluta, ma questo provocò una guerra civile, che vedeva da una parte Carlo I Stuart e dall'altra Oliver Cromwell che comandava l'esercito formato dal parlamento inglese. Nella battaglia di Presto, il re venne catturato e in seguito ad un processo fu giustiziato. Salì al comando allora Cromwell, che cerò di concentrare il potere nelle sue mani, ma ormai non c'era più motivo di appoggiarlo, allora alla sua morte salì al potere suo figlio, ma il quale non riuscì a tirare fuori la monarchia inglese fuori dal caos. Il parlamento chiamò allora a comandare il figlio di Carlo I, ma non portò benefici al paese. Allora nel 1685 salì al potere Giacomo II Stuart, il quale essendo un ammiratore della monarchia assoluta, cercò di instaurare un governo assolutistico con l'aiuto di un esercito, ma fallì nel suo tentativo.

Nel dicembre del 1688 il parlamento chiamò per governare la figlia di Giacomo II, Maria Stuart di fede protestante. Maria regnò insieme al marito Guglielmo d'Orange, un nobile olandese. I due nuovi sovrani firmarono anche un documento creato dal parlamento, chiamato "Dichiarazione dei diritti", in cui si ribadiva il potere del parlamento e le limitazioni di potere del re. E con la costituzione della carta dei diritti di instaurò in Inghilterra una monarchia parlamentare.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email