Mongo95 di Mongo95
Ominide 6474 punti

L'Assemblea costituzionale legislativa del 1789


L’assemblea legislativa sarà monocamerale e permanente, prendendo la distanza da organismi come gli Stati generali, che venivano convocati a distanze di tempo indefinibili e indefinite, arbitrarie per il monarca. Ma non esiste quindi nemmeno qualcuno che può scioglierle. Assemblea che durerà due anni, e ogni volta i suoi membri saranno cambiati in toto, senza possibilità di rielezione. Si nota un sottofondo di sfiducia in quegli individui che diventeranno rappresentanti, con l’intento di evitare che si consolidino delle posizioni di potere in determinate cariche. I costituenti intendevano creare discontinuità, anche in confronto alla stessa Costituente, formata comunque da persone elette secondo le modalità dell’antico regime. All’Assemblea spetterà il potere legislativo, ma senza escludere del tutto il Re, che avrebbe potuto partecipare al processo con il veto sospensivo. Veto che poteva venire riproposto qual'ora una nuova Assemblea in una nuova legislatura avesse ripresentata identica la legge. Cioè può accadere per un massimo di tre legislature, dopo le quali il Re perde il veto e la legge riproposta identica per la terza volta deve venire approvata. Quindi si avrebbe avuto una forma di governo sicuramente monarchico, ribadito anche nell’Articolo 4 del Titolo III dell'Atto costituzionale sui poteri pubblici.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze