pexolo di pexolo
Ominide 8985 punti

Il viaggio di James Cook del 1768, finanziato dalla Royal Society di Londra, una delle più prestigiose accademie scientifiche al mondo, non è un viaggio solo militare, di conquista, ma anche scientifico; si cercano di definire in maniera esatta i transiti di Venere in un determinato meridiano, per poter risolvere l’enigmatico calcolo della distanza Sole-Terra; accanto a questo, altri scienziati imbarcati nella compagnia di Cook devono descrivere animali e piante non note. Il viaggio di esplorazione ha quindi una componente scientifica non secondaria; James Cook, in particolare, ha anche l’obiettivo di dimostrare che la dieta di James Lind è l’unica in grado di eliminare la piaga dello scorbuto: essi non assumevano abbastanza vitamina C, contenuta in frutta e verdura, per cui al termine di questi lunghi viaggi l’equipaggio restava spesso decimato. La spedizione di Cook è stata sia una spedizione scientifica protetta da una forza militare, sia una spedizione militare con qualche scienziato al seguito. Essa pose infatti le basi per l’occupazione britannica dell’Oceano Pacifico sudoccidentale, per la conquista dell’Australia, della Tasmania e della Nuova Zelanda, e per l’insediamento di milioni di europei nelle nuove colonie. Nel giro dei cent’anni che seguirono alla spedizione di Cook, le terre più fertili dell’Australia e della Nuova Zelanda furono sottratte agli abitanti nativi da parte dei coloni europei. La popolazione calò del 90% e i sopravvissuti vennero assoggettati a un duro regime di oppressione razziale. Un destino ancora peggiore capitò ai nativi della Tasmania. Dopo essere vissuti per diecimila anni in uno splendido isolamento, furono completamente spazzati via, fino all'ultimo uomo, donna e bambino, nel giro di un secolo dall'arrivo di Cook.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità