Ominide 3880 punti

L'Assemblea Costituente approvò il 26 agosto la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino. Fu proposta dal generale La Fayette sul modello dell Dichiarazione d'indipendenza americana. Furono riconosciuti molti diritti tra cui la libertà di religione e di stampa e vennero proclamate libertà,fratellanza e uguaglianza.
Il 5 ottobre un corteo di donne si recò a Versailles per protestare e pretendere tre cose dal re:che accettasse i decreti contestati dell'Assemblea Costituente,che garantisse approvvigionamenti alla capitale e che si trasferisse a Parigi per essere controllato. Il sovrano accolse tutte le richieste e fu proclamato re dei francesi per evidenziare il suo carattere nazionale.
Uno dei problemi della Francia era il deficit del bilancio statale. L'Assemblea Costituente decise di requisire i beni del clero,vendere ai cittadini le terre e gli edifici incamerati acquistando gli assegnati. Questa operazione non funzionò poichè la popolazione non intendeva spendere i propri soldi acquistando assegnati.

Nel 1790 fu promulgata la Costituzione civile del clero che stabiliva che i vescovi e i parroci dovessero essere stipendiati ed eletti dai cittadini. Questo rientrava in una tradizione francese di indipendenza dalla Chiesa di Roma detta gallicanesimo e in questo modo la chiesa francese doveva essere fedele alla costituzione e non più al Vaticano. Papa Pio VI non voleva accettare questo e ciò comportò una frattura all'interno della Francia quella tra clero costituzionale che giurò fedeltà alla costituzione e clero refrattario che rimase obbediente al papa.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità