Ominide 28 punti

Repubbliche marinare


Intorno all’anno Mille in Italia spiccarono alcune città portuali, dotati di autonomia e di un grande potere dal punto di vista commerciale e militare.

Amalfi → La più antica città portuale, situata sulla costa che prende il nome di Costiera amalfitana in Campania. Vanta la sua indipendenza fino al 1131 quando viene invasa dai normanni e annessa all’Italia meridionale. Vanta una tradizione riguardo alle carte nautiche e viene ricordata per l’elaborazione della bussola. Ha mantenuto forti rapporti con la Sicilia che dall’800 fino all’anno 1000 era dominata dagli arabi

Pisa e Genova → Queste due città sono molte vicine tra di loro e insistono con i loro traffici nel Mediterraneo occidentale. Le due città si alleano per allontanare il pericolo dei corsari saraceni. Inizialmente collaborano tra di loro fino al 1284 con la battaglia della Meloria in cui si scontrano. Vince Genova che rimane porto del Mediterraneo.

Venezia → Nasce intorno al 5° secolo d.C in seguito alle invasioni degli Unni sulle isolette della laguna veneta sulle quali c’erano stati insediamenti romani. Era definita Porta d’Oriente per via dei numerosi mercanti che navigavano sulle rotte commerciali verso Oriente. Venezia diventa centro di tante influenze culturali → Città dinamica. Acquisisce un grande potere economico fornendo navi ai crociati per guadagnare soldi. Perse la sua indipendenza con il trattato di Campoformio (1797) quando Napoleone cede Venezia all’Austria in cambio.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email