Video appunto: Parigi: la Banca di destra nel tardo Medioevo

Parigi: la Banca di destra nel tardo Medioevo



Alla fine del Medioevo, la città di Parigi era organizzata in tre poli: la riva sinistra che concentrava gli studenti (escholieri, come venivano chiamati all'epoca), i Sorbonnard e i mestieri artigianali legati ai libri, la riva destra che corrisponde alla città mercantile dove Philippe-Auguste creò il primo mercato permanente, antenato di Les Halles; e, infine, nel mezzo dell'Île de la Cité sede di funzioni religiose e politiche.


La riva destra era piena di decine di negozi con le loro bancarelle che si affacciavano sulla strada. I mercanti d'acqua avevano sviluppato il porto di Grève, anche se in realtà si trattava di piccoli moli specializzati. La città aveva già 200.000 abitanti, il traffico era pesante e le corporazioni molto potenti. Erano così potenti che Etienne Marcel, il prevosto dei mercanti, riuscì persino a minacciare la monarchia nel XIV secolo. Le tracce architettoniche di questa fine del Medioevo sono numerose, soprattutto nelle Marianne. Un'atmosfera medievale ci viene regalata dalla rue François-Miron, tracciata su una strada romana del II secolo. E dove due case del XVI secolo si affiancano a strutture medievali. Nell'Archivio troviamo l'unico chiostro medievale di Parigi. Nel quartiere si trovano anche le più antiche case parigine del XV secolo. Non lontano dallo Châtelet, c'era la Grande Boucherie dove i macellai macellai macellavano, sventravano e disossavano bovini, pecore e cavalli e, come i conciatori, i sellai e i tintori del Quai de la Mégisserie, anche loro scaricavano i loro rifiuti all'aria aperta. Gli odori sgradevoli erano normali. I macellai erano molto ricchi, tanto da finanziare la ricostruzione della chiesa di Saint-Jacques, che si chiamava Saint-Jacques-de-la-Boucherie. Di questa chiesa, che all'epoca conservava una reliquia di San Giacomo, rimane solo il campanile in stile gotico fiammeggiante: è la Torre Saint-Jacques.

Questo campanile, alto più di 50 metri, è stato restaurato nel 2009. Nella sua parte superiore è collocata una statua di San Giacomo, circondata da sculture che simboleggiano i quattro evangelisti, cioè l'angelo, il leone, il bue e l'aquila.
La città risuonava di arringhe spinte da ambulanti e ambulanti. Ma il vero ventre della Banca di Destra erano le Halles, create da Luigi VI e rivestite in legno da Philippe Auguste. Nonostante il potere delle corporazioni, le Halles rimasero il mercato del re.