Decimo secolo - Federico II e Innocenzo III

Cominciarono lotte di potere tra comuni ed imperatore.
Federico I Barbarossa fu eletto re di Germania a metà del XII (1152 d.C.) secolo e fu chiamato da alcuni comuni italiani per fermare le pretese espansionistiche di Milano. Venne incoronato re d’Italia e scese a Roma per placare una ribellione antipapale alimentata da un religioso vicino a dei gruppi eretici e fu incoronato imperatore dal papa Adriano IV. Egli fu chiamato nuovamente contro Brescia e Milano contro cui vinse ed in seguito a queste vittorie emana la Costitutio de regalibus, in cui definì con precisione quali furono le regalie, ovvero le prerogative che spettavano all’imperatore: controllo delle vie di comunicazione, diritto a riscuotere le imposte, amministrare la giustizia e promuovere o chiudere guerre. Dopodiché strinse una dieta a Roncaglia (presso Piacenza) ed emanò la Costitutio pacis con la quale si proclamava unico garante di pace o guerra, proibendo le formazioni di leghe tra città e la possibilità esclusiva di proclamare pace o guerra.

In Germania il suo potere era abbastanza solido, mentre in Italia alcune città non volevano sottostare al potere imperiale, ottenendo anche il sostegno del papato. Federico assediò, distrusse Crema e Milano ed impose nuove tasse allorché si istituì la Lega lombarda anti-imperiale appoggiata dal pontefice.
Nel 1176 a Legnano Federico fu sconfitto e fu costretto a fare un trattato col papa e ad accettare la Pace di Costanza, in cui lui diede autonomia ai comuni che si sottomettevano formalmente al potere dell’imperatore.
Federico I morì alla fine del XII secolo in Anatolia, affogando mentre attraversava un fiume durante la Terza crociata da lui condotta. Prima di morire aveva fatto sposare il figlio Enrico VI con Costanza d’Altavilla, erede al trono normanno e che quindi ereditò il regno di Sicilia. Costanza e Enrico morirono e lasciarono il figlio Federico II di soli quattro anni al papa Innocenzo III che all’età di quattordici anni lo fece incoronare re di Sicilia.
Innocenzo III per consolidare il potere della chiesa:
a. strinse delle alleanze con i signori e gli fece giurare la loro sottomissione in cambio di protezione alle pretese imperiali;
b. fece eleggere imperatore Ottone IV di Brunswick in cambio della sua sottomissione e dell’acquisizione di territori dell’ Italia centrale che avevano giurato fedeltà.

Ottone fu dunque eletto re di Germania, non stette ai patti, fu scomunicato da Innocenzo e a Bouvines fu definitivamente sconfitto dal re di Francia, che era alleato col papa.

FEDERICO II
Federico fu incoronato imperatore a Roma dal papa Onorio III e divenne imperatore di Germania e re di Sicilia col nome di Federico II. In Sicilia, per rafforzare il suo potere politico fece distruggere tutti i castelli signorili, mentre aumentò le tasse per svolgere un'opera di riedificazione e ristrutturazione di castelli che dovevano accogliere i militari. Elaborò la Costituzione di Melfi, in cui elencò tutte le prerogative del sovrano riguardo l’amministrazione della giustizia e il sistema fiscale. In Germania invece concesse l'autonomia ai signori tedeschi con l'obiettivo di ottenere la loro fedeltà.
Cercò di togliere autonomia alle città centro-settentrionali in Italia che si ribellarono appoggiate dai pontefici, i quali organizzarono contro di lui una crociata. Federico II era considerato un anticristo, una figura demoniaca. Egli morì nella metà del XIII secolo. Per venti anni non fu eletto nessun imperatore. In Sicilia fu eletto re Manfredi (figlio di Federico II) che approfittò della divisione in fazioni in seno alle città e si alleò con i Ghibellini (filo-imperiali) di Siena e Firenze contro i Guelfi (filo-papali) per imporsi in Italia centro-settentrionale. Questi sconfisse Firenze nella battaglia di Montaperti nel 1260 allorché divenne scomodo al papa Clemente IV che lo scomunicò, proclamando re di Sicilia Carlo d’Angiò in cambio di un tributo annuo e della sua alleanza. I nobili siculi e Carlo attaccarono Manfredi che fu sconfitto nel 66 a Benevento. Ci riprovò il nipote Corradino senza ottenere alcun risultato.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email