Ominide 7038 punti

L'economia curtense


Nel periodo feudale i centri della vita economica erano le corti , grandi proprietà terriere che appartenevano all’imperatore, oppure a un nobile, o a un monastero. Le terre di una corte erano distinte in tre appezzamenti: la terra dominica ( del signore) , la terra colonica ( dei coloni) e la terra comune. La terra dominica comprendeva l’abitazione del feudatario, le stalle, i magazzini, i laboratori e tutti i poderi di sua proprietà , che venivano lavorati da schiavi o da contadini. La terra colonica era suddivisa in mansi, cioè in poderi più piccoli, comprendenti una casa, terre seminate e piccole vigne. Questi appezzamenti venivano dati in affitto ai coloni, i quali in cambio avevano l’obbligo di dare al signore una parte dei prodotti della terra e di fare per lui molti lavori. La terra comune comprendeva i pascoli e le foreste destinati s un uso collettivo: tutti cioè potevano utilizzarla, pagando però un tributo. Ad esempio, se si voleva tagliare la legna di una foresta che faceva parte della terra comune, bisognava pagare una tassa chiamata legnatico; per il mantenimento delle strade, invece, si doveva pagare il polveratico; per l’uso dei ponti si pagava il pontatico, e così via. L’agricoltura praticata nei feudi era poco redditizia, perché le tecniche di coltivazione e gli attrezzi da lavoro erano arretrati e poco efficaci. L’aratro, ad esempio, in legno, senza ruote e trainato da buoi, non consentiva di arare il terreno in profondità. I concimi naturali, inoltre, erano insufficienti, per cui le rese agricole erano basse, cioè i campi producevano troppo poco. Le corti erano organizzate in modo da produrre tutto ciò che era necessario alla vita del signore e dei coloni , anche se non sempre in abbondanza. I campi e i pascoli garantivano le principali materie prime come il legname e la selvaggina. All’interno della corte erano inoltre concentrati i laboratori artigianali: fabbri , carpentieri, calzolai, falegnami ed ecc. Questi artigiani producevano gli oggetti di uso quotidiano: attrezzi da lavoro, mobili, armi, abiti, calzature. I contatti e gli scambi con gli altri feudi erano perciò molto limitati, visto che ogni corte era praticamente autosufficiente.
Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Alto Medioevo - Economia e società