kiara93 di kiara93
Erectus 1265 punti

Crisi del 1300: villaggi abbandonati e riorganizzazione delle manifatture

Durante il XIV secolo molte terre, a causa della peste, vennero abbandonate e l'ambiente divenne primitivo e selvaggio.
Con la crisi delle coltivazioni cerealicole i proprietari terrieri olandesi e danesi convertirono l'uso del suolo ad attività come l'allevamento dei bovini e la produzione di carne, latte e formaggi.
Sul piano sociale iniziò la tendenza di estinguere la relazione servile al padrone con la sostituzione di un lavoro salariato. (aumento dei salari = più produzione).
Con il crearsi del lavoro salariato i contadini cercavano di avere rapporti più vantaggiosi, ma i signori rispondevano alle pretese con la violenza, e i contadini erano costretti a recarsi presso un altro signore, poiché la manodopera scarseggiava ovunque. A questo punto i signori avrebbero potuto collaborare, ma il progressivo declassamento sociale della nobiltà terriera e la dissoluzione degli antichi rapporti di dipendenza nelle campagne erano destinati ad essere una realtà vincolante.

In Spagna, al posto dell'allevamento bovino, si diffuse l'allevamento allo stato brado poiché riduceva il bisogno di manodopera e poteva essere utilizzata in territori spopolati e abbandonati al degrado.
Nel XIV secolo, in Italia, in territori poco abitati e afflitti dalla malaria, c'erano pastori che praticavano la transumanza, ovvero il pascolo continuo delle greggi, che in autunno dalla montagna si spostavano in pianura e nella bella stagione percorrevano il percorso inverso.
Nel Trecento, in Lombardia, gli investimenti dei proprietari cittadini erano indirizzati alle opere di bonifica e di canalizzazione creando così prati artificiali.
Nel Quattrocento, nella Bassa Pianura Lombarda, c'era un'agricoltura nella quale l'allevamento era il risultato di un massiccio investimento di lavoro e denaro.
Nel XV secolo infatti fu introdotto un diverso uso del suolo e si affermarono colture orientate ai bisogni delle manifatture urbane.
In Inghilterra la carestia e poi la peste fecero diminuire le richieste della lana. L'Inghilterra escogitò un modo per riprendersi: la produzione destinata all'esportazione.
Nel XV secolo la produzione tessile avveniva, ormai, nei centri urbani minori o nei villaggi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email