Ominide 470 punti

Origine e sviluppo del Comune

Le città crebbero economicamente scontrandosi con il potere feudale e con quello degli imperatori del Sacro Romano Impero Germanico.
In diverse xone dell' Europa occidentale, sorsero diverse strutture socio-politiche: in Germania si passò dal controllo episcopale delle città a quello ducale; in Inghilterra e nella Francia settentrionale nacquero le prime forme di autogoverno sotto il controllo di magistrati regi; nelle Fiandre le città ottennero un certo grado di autonomia; ed infine nella Francia meridionale ma soprattutto nell' Italia centro-settentrionale sorsero i Comuni.

Le città subirono tre grandi movimenti e cambiamenti sociali: l' immigrazione della popolazione contadina delle campagne, lo scontro con i feudatari ed infine il passaggio dal potere episcopale a quello di tipo popolare.

Infatti alla maturazione del Comune, era presente una pluralità di potere ed una forte unaminità dei cittadini senza differenze di ceto sociale.

Il Comune nacque verso la fine dell' XI secolo ma il termine inizia ad essere adottato solo nei primi decenni del XII secolo indicando un'entità comune a più persone di diversa provenienza tra di loro.

Anche in centri rurali si instaurarono strutture comunali con legislazione ed equilibri sociali propri, godendo di autonomia fino alla fine del Medioevo.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email