daddy8 di daddy8
Ominide 1072 punti

Cattività Avignonese

Per cattività avignonese si intende il periodo della storia compreso tra il 1309 e il 1377, durante il quale la sede papale venne trasferita ad Avignone, mentre il 1377 fu l'ultimo anno in cui i pontefici rimasero nella città francese. Il tutto nacque a causa dei contrasti tra Papa Bonifacio VIII, succeduto a Celestino V, e il Re francese Filippo il Bello. Tra i provvedimenti emanati da Bonifacio VIII si ricordano la proclamazione del 1300 come anno di giubileo, ossia di remissione dei peccati per tutti coloro che avessero visitato le tombe degli apostoli Pietro e Paolo.
Inoltre tra i provvedimenti emanati in questo periodo si ricordano la bolla "Clericis Laicos", con cui il Papa vietò al clero di pagare ai re qualsiasi tipo di sussidio senza il suo permesso. Naturalmente c'era da aspettarsi la reazione di Filippo il Bello, che non tardò ad arrivare, mostrando un totale rifiuto all'applicazione di questa bolla. Bonifacio VIII, nel 1301, inasprì il duello, emanando una seconda bolla, la "Ausculta fili", con cui sancì la propria superiorità su tutti i poteri terreni. Come risposta, Filippo convocò gli Stati Generali, l'assemblea dei tre ordini; da questi ordini egli ottenne il sostegno.

In risposta Bonifacio emanò, nel 1302, una terza bolla, la "Unam Sanctam", con la quale dichiarava universale il potere papale, esteso sia alla dimensione temporale che a quella spirituale. In seguito poi a un periodo di infiniti scontri, il papa cedette e autorizzò provvisoriamente il clero francese a pagare dei sussidi: ma nel momento in cui Filippo volle imporre la sua giurisdizione sui vescovi francesi, Bonifacio cerco di impedirglielo e i contrasti ebbero nuovamente inizio. Il culmine si ebbe quando Filippo fece giudicare Bonifacio come eretico e simoniaco da un concilio di giuristi. Un grande gruppo di persone armate fu inviato per arrestare il Papa che in quel momento si trovava ad Anagni: esso fu sottratto all'arresto da un'insurrezione popolare, ma non riuscì a sfuggire dallo schiaffo che gli rifilò Sciarra Colonna, un suo nobile nemico.
Bonifacio morì poche settimane dopo e il conclave elesse come suo successore Niccolò Bocassino, che assunse il nome di Benedetto XI. Esso tentò dì risanare i conflitti col re ma dopo soli undici mesi di pontificato morì, e alla Santa Sede fu eletto come papa un arcivescovo di Bordeaux, Clemente V, che nel 1309 spostò nuovamente la Santa Sede ad Avignone, ritenendo che Roma fosse poco sicura. Dopo più di mille anni Roma perdeva così il suo ruolo di capitale del cristianesimo. Solo nel 1377 la sede papale fu nuovamente spostata a Roma, per opera di Gregorio XI, sollecitato da Santa Caterina da Siena e dal re di Francia, il quale volle proteggere il più possibile la Francia da eventuali conflitti.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email