Sapiens Sapiens 13859 punti

Saccheggio di Roma (410)

Con la scomparsa dell’ Imperatore Teodosio, avvenuta nel 395, nell’ Impero Romano, la situazione precipita di nuovo. I Visigoti comandati da Alarico minacciano di marciare su Costantinopoli, rivelando il conflitto fra Oriente ed Occidente.
I due imperatori, Arcadio e Onorio figli di Teodosio che si erano divisi l’Impero alla morte del padre, avevano nominati primo ministro e supremo generale due barbari: rispettivamente il goto Rufino (in Oriente) e il vandalo Stilicone (in Occidente). Fra i due non correva buon sangue, per cui, invece di riunire tutte le forze per far fronte all’invasione dei Visigoti, Rufino preferì convogliare l’esercito nemico verso l’ Italia concedendo ai Visigoti di stanziarsi nell’ Illiria. Quasi subito, Alarico riprese la sua marcia e giunse in Italia. Per difendersi, l’imperatore Onorio preferì abbandonare Roma per rifugiarsi a Ravenna perché questa città era considerata più sicura ed inespugnabile in quanto lambita dal mare (da cui potevano arrivare soccorsi da Oriente) e circondata da paludi. Da parte sua, Stilicone affrontò, sconfiggendolo, Alarico a Pollenzo in Piemonte nel 402. Questa vittoria suscitò molto entusiasmo nel mondo romano; in realtà esistevano seri motivi per preoccuparsi perché si era trattato di in barbaro che aveva vinto un popolo barbaro sul suolo italiano. Le gelosie non mancavano: la nobiltà romana vedeva con gelosia la figura del Barbaro Stilicone che stava acquisendo popolarità e lo stesso Onorio nutriva sospetto nei confronti del generale a tal punto da farlo assassinare anche se ne aveva sposato la figlia. Alarico, approfittando della scomparsa di Stilicone, tornò di nuovo in Italia, giunse a Roma e saccheggiò orrendamente la città (410). Il fatto suscito un forte sgomento e nel saccheggio della città molti vedevano il segno della fine dell’Impero Romano se non del mondo. Due figure importanti ci descrivono la gravità della situazione: S., Gerolamo e S. Agostino. S. Girolamo che paragona il saccheggio di Roma alla rovina di Troia o di Gerusalemme, secondo quanto riportato nella Bibbia. S.Agostino vede giungere in Africa i fuggiaschi, stravolti dal terrore, che accusano il Cristianesimo di aver causato la rovina dell’ Impero. Egli scrive, allora, la Città di Dio per confutare tale accusa.
Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email