Roma - I re Etruschi


Dopo Anco Marzio, informa la leggenda, regnò in Roma Lucio Tarquinio Prisco, etrusco. Costui avrebbe portato a 400 il numero dei senatori, introdotto i giochi pubblici, prosciugato le paludi pontine. Quest'ultima parte della leggenda ha una forte base di verità: Tarquinio Prisco forse è esistito realmente.
Come ricorderete, gli Etruschi si estesero verso il Sud, anche con eserciti; conquistate alcune regioni e città del Lazio, fra le quali Roma, proseguirono verso la Campania.
Già in Roma esisteva una forte base etnica etrusca: la conquista armata fu certo favorita da questo fenomeno. Probabilmente Tarquinio Prisco fu uno dei primi re insediati in Roma dagli Etruschi.
La dinastia etrusca che regnò in Roma naturalmente si appoggiò soprattutto sull’elemento plebeo (che era etrusco di origine) e la plebe in quest’epoca acquistò forza e prestigio.
L’influenza etrusca si vide anche nella realizzazione di imponenti opere pubbliche (canali, fognature come la famosa cloaca Massima, templi, piazze come il Foro).
A Tarquinio Prisco successe, secondo la tradizione, Servio Tullio, pure etrusco.
Servio fece edificare nuove mura (le cosiddette mura serviane) in quanto la città era cresciuta ed era giunta ormai ad occupare quello che i Romani chiamavano «septimontium», cioè i sette colli intorno al nucleo originario (il Palatino, l’Esquilino, il Celio, il Viminale, il Quirinale, l’Aventino, il Campidoglio).

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email