Muaty91 di Muaty91
Ominide 58 punti

Rivoluzione Russa

Premesse: Lo Stato è arretrato, lo Zar ha un potere assoluto, l’ economia è agricola e l’industrializzazione è fortemente arretrata.
1905 primo tentativo di Rivoluzione da parte della popolazione contro lo Zar, ma viene soffocata. Questa è una prova generale di quella sucessiva, è un’anteprima perché i tempi non erano ancora maturi
1917 febb (Riv.), Pietrogrado e altre città si ribellano. Vengono chiuse a forza le fabbriche dal popolo, qui abbiamo un’azione più compatta da parte degli operai. Questa volta l’esercito da l’appoggio agli insorti. Lo Zar è costretto ad abdicare, infatti verrà poi catturato e ucciso insieme a tutta la sua famiglia(Regime zarista abbattuto).
Tra febbraio e ottobre abbiamo un governo provvisorio (emanato dalla Duma, la camera elettiva del parlamento russo) che è un governo regolare fatto fa tutte le forze politiche (il principe L’Vov, che è più democratico e altri moderati) tranne dai Bolscevichi (partito di minoranza). In parallelo nasce a Pietrogrado un altro potere, il Soviet, che è un consiglio di contadini e operai, che occupano le fabbriche e le vogliono gestire.
Ad Aprile torna Lenin, che era stato mandato in esilio in Svizzera, e pubblica le Tesi di Aprile, con cui fa vedere la sua posizione. Secondo lui la Rivoluzione consiste nel problema della terra e dell’Uscita della Russia dalla 1^ G.M.
In estate ci furono vari disordini per cui il governo provvisorio si indebolisce, ne aprofittano i Bolscevichi guidati da Lenin che in quel momento era in Finlandia.
1917 ott. I Bolscevichi con un colpo di Stato assumono il potere. Diventa Rivoluzione Bolscevica. Nel 17/18 viene fatto il trattato con le potenze dell’Intesa per uscire dalla Guerra (Bles-Litosk).
1917: Lenin redistribuisce le terre, ai contadini veniva data in concessione la terra, non come proprietà individuale, lo Stato infatti le consegna alle Comunità di Villaggio e saranno queste ad assegnarle ai contadini. Per Lenin non si può passare da una Società Capitalista a S. Comunista di botto, ma lo Stato deve essere duro e avere un pugno di ferro e farlo attraverso la Dittatura del Proletariato (fase necessaria). Abbiamo anche una guerra civile tra l’Armata Rossa (l’esercito in mano allo Stato) e le armi bianche controrivoluzionarie. I Bolscevichi danno vita al P. Comunista. La Francia, gli Stati Uniti e il Regno Unito aiutano con denato le armate zariste (i bianchi) comandate da un ufficiale dell’Esercito Zarista per fermare la Rivoluzione, con il tempo però vince l’Armata Rossa e nasce nel 1922 l’URSS.
Lenin proclama il Comunismo di Guerra (cioè misure prese per uscire dall’emergenza della guerra, come ad esempio le città morte di fame) e istaura dittatura. Nelle città lui controlla le fabbriche, mentre nelle campagne obbliga i contadini a versare allo Stato tutto quello che producono tranne lo stretto necessario per vivere. Questa fu una misura impopolare, infatti i contadini produssero il minimo indispensabile per vivere e lo Stato si ritrovava con una produzione minore.
Poi vi era il problema del mancato riconoscimento del nuovo Stato, perché suscitava paura, gli altri Stati avevano paura che la Rivoluzione arrivasse da loro e quindi la Russia rimane isolata.(USA la riconosce solo nel 33), quando Stalin assicura che la Rivoluzione era una cosa interna e non si sarebbe allargata agli altri Stati.
1921 Lenin vara una nuova politica (NEP), nelle campagne i contadini devono versare una parte fa passo indietro, riconosce di aver sbagliato). La produzione aumenta e nascono i Kulachi, cioè contadini che davano lavoro ad altri contadini (contadini benestanti). Con la NEP Lenin riconosce la libera iniziativa del Kulachi. I sostenitori della NEP erano convinti che bisognasse dare un sosotegno all’agricoltura (per Tronksi invece bisognava seguire la strada dell’industrializzazione).
Muore Lenin, e abbiamo due figure nel Partito: Stalin e Tronsky. Stalin (acciaio), prima è segretario e poi diventa capo del partito (1927) e crede che la Rivoluzione debba stare in Russia perché è un fatto interno ad essa, e crede anche nell’industrializzazione. Vince lui, per sua posizione nei confronti dell’URSS.
Tronsky crede in una Rivoluzione perpetua con l’industrializzazione e anche nell’esportare la Rivoluzione ad altri Stati. Lui viene esiliato e poi ucciso.
Tra il 27 /28, in Russia si ha una grande perdita di grano, vengono ridotte pure le esportazioni e le città rischiano di morire, allora lui interviene con altre forzature nei confronti dei territori, si scontra quindi con i Kulachi.
Stalin vuole risolvere il problema della terra, e trasferire tutte le risorse economiche dell’agricoltura all’industria, mediante industrializzazione forzata e poi militarizzazione. Fa una grande industrializzazione, secondo lui la Russia era infatti indietro di 30 anni, e potenziò l’industria bellica per adeguarsi agli USA. Colletivizzazione delle terre sotto il controllo dello Stato e le aziende individuali vengono smatellate. Fa una pianificazione integrata con piani Quinquennali, in cui il governo a tavolino stabilisce cosa produrre e come produrre, con quali mezzi, era pianificato nei minimi particolari. Per la gestione delle terre vengono create le Colvcoz e le Solvcoz. Le Colvcoz sono aziende collettive gestite dai comunità di villaggio (MIR) che poi le davano in gestione al contadini. Sovcoz sono aziende date dallo Stato direttamente ai contadini. I contadini dovevano dare tutto il prodotto allo Stato, di conseguenza la produzione ridiminuisce. Stalin comincia sterminio di intere famigli dei Kulachie a deportare migliaia di contadini nei Gulag. Grazie a tutto questo la Russia riesce a diventare in poco tempo una potenza industriale dallo Stato arretrato che era.
Stalin identifica un sistema totalitario basato sull’identificazione tra partito comunista e Stato, sul culto del capo, sulla dittatura politica e sul terrore. Questo nel biennio 36/38 con una serie di processi politici e di operazioni repressive condotte dalla polizia segreta Ceka, porto all’eliminazione di migliaia di militari di partito, ufficiali o cittadini comuni deportato nei Gulag.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email