Genius 7419 punti

La storia della colonizzazione inglese dell’america del nord comincia con un fallimento . Tra il 1585/87 tre spedizioni condussero un gruppo di coloni a stabilirsi in un terreno che in onore della regina-vergine- Elisabetta d'Inghilterra fu chiamata Virginia . Nel 1620 i padri pellegrini appartenenti ad una comunità puritana non ortodossa s’insediarono nella terra chiamata new england e questa è considerata la nascita delle colonie inglesi d’america . In quetse colonie l’atto i nascita era legato alla concessione da parte del sovrano di statuti e monopoli a campagne e gruppi al patto che i territori della corona inglese. Nel 1664 una piccola flotta inglese conquistò New Amsterdam che fu ribattezzata new york . I puritani che fondarono la comunità del New England erano i perseguitati e costretti a fuggire dalla madre patria . Al motivo religioso si aggiunge il motivo economico, infatti, la maggior parte delle persone che prendevano la via dell’america era attratta dalla speranza di migliorare la propria situazione economica.

Così i coloni avviarono un’opera di sperimentazione politica e istituzionale e le ragioni nord-americane furono divise in varie corti in cui erano riprodotte le diversità dei titoli d’origini e le molteplici forme della colonizzazione. C’erano tre tipi titoli: il primo era quella corporazione che riconosceva una vasta autonomia alla comunità di coloni istallarsi sul territorio; la seconda era quella del proprietario che concedeva lo sfruttamento del territorio ad un singolo individuo ; il terzo era un governatore che era capo i tutto e veniva nominato direttamente dal re. La fedeltà delle colonie alla madre patria fu favorita dalla politica internazionale .Nelle colonie inglesi d’america ci fu una grande crescita demografica dovuta anche all’emigrazione.
Fino alla metà del XVIII secolo il punto di riferimento economico per le colonie americane fu l’impero britannico e si possono distinguere due casi : la 1 compresa tra il primo atto di navigazione e i primi decenni del 700 caratterizzata dall’incontro delle grandi compagnie per il commercio e le classi dirigenti dell'Inghilterra e la terza tra 1730 e 1760 nelle quali i numerosi punti del sistema mercantilistico imperiale favorirono la crescita economica delle colonie e la formazione coloniale sempre più crescente dei suoi diritti e della sua autonomia accentuando così il confitto con la madre patria . L’Inghilterra e l’america avevano un diverso principio di sovranità limitata che attraverso la creazione di istituzioni a difesa del popolo consentiva ai governati il controllo dei governanti. Scoppio così la guerra dei sette anni che vide i coloni americani combattere contro i coloni francesi. Questa guerra si concluse con la pace di Parigi con cui re Giorgio III richiese più coinvolgimento delle colonie nord-americane nelle spese dell’Impero.
Nel 1733 gli indiani visto il monopolio che era stato messo sul tè gettarono a mare un intero carico . L'Inghilterra considerò inaccettabile il comportamento delle colonie e nel 1774 le colonie si unirono nel primo congresso continentale decidendo il boicottaggio del commercio con la Gran Bretagna.
L’anno successivo al Secondo congresso continentale fu nominato George Washington comandante delle truppe. La rivoluzione americana inizia nel 1776 e vengono espressi i principi ispiratori dell’america quali il diritto di indipendenza e alla libertà e i governi si impegnano a rispettare tutti i diritti degli individui e il rapporto tra governati e governanti sul consenso reciproco. George Washington riorganizzò le forze armate e intraprese una campagna contro i coloni e nel 1778 anche la spagna si alleò con gli americani e nel 1783 fu firmata la pace di Versailles, la quale metteva fine alla guerra anglo americana riconoscendo l’indipendenza delle 13 colonie nord-americane. Alla Francia furono restituiti i territori nei Caraibi e nel Senegal mentre la spagna riotteneva la Florida. Dopo la dichiarazione di indipendenza molte colonie avevano messo a punto una nuova Corte costituzionale. Nel 1787 fu convocata la convenzione di Philadelphia con il compito di rivedere la costituzione che andò in vigore nel 1788 e con questo il potere legislativo fu affidato al senato e ai rappresentanti che venivano eletti ogni 2 anni mentre i senatori ogni sei anni. Il congresso aveva poteri finanziari e fiscali.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email