Pensiero di Mazzini

L’importanza del contributo mazziniano sta nei seguenti elementi:
- Almeno teoricamente egli comprese l’inutilità di moti sul tipo di quelli carbonari;
- Sottolineò che, per la formazione dello stato nazionale, era indispensabile educare gli Italiani affinché conquistassero una coscienza nazionale;
- Chiarì che una nazione libera deve anche essere democratica e giustamente organizzata;
- Sottolineò il ruolo che il popolo doveva avere nel costruire la sua nazione.
Un’altra caratteristica del pensiero di Mazzini è iI concetto che solo il popolo può realizzare una missione di libertà o progresso perchè solo nel popolo Dio si rivela e rivela la sua potenza, Mazzini riassume questo concetto nella suo famosa formula Dio e Popolo.
Se vogliamo sottoporre a critica il pensiero di Mazzini possiamo dire che la parte debole della sua dottrina sta nel fatto che egli non valutò appieno la realtà del suo tempo.
È giusto il concetto che deve essere il popolo a costruire consapevolmente la sua nazione ma, ai tempi del Mazzini, il popolo italiano era un'accozzaglia di popolazioni diverse tra loro, abbruttite dall'ignoranza, dallo sfruttamento feudale ed anche borghese, era incapace di formulare concetti politici elementari perchè mai educato alla partecipazione politica, Mazzini sosteneva che bisognava educare questo popolo alla rivoluzione, ma ciò si rivelò impossibile, ed impossibile apparve, di conseguenza, l'idea di fare a meno di una monarchia nazionale nell'opera di costruzione dello stato unitario. Lo stesso Mazzini, quando si accorse che i Savoia del Piemonte ambivano ad assumere la funzione di sovrani nazionali, accantonò le proprie idee repubblicane.
È da osservare, infine, che Mazzini aveva visto lontano quando aveva sostenuto che una nazione libera e unita doveva (se veramente tale) realizzare libertà e uguaglianza per tutti I suoi cittadini e quindi costituirsi in Repubblica.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email