Ominide 1778 punti

I luoghi in cui si combatté la prima guerra mondiale


La Prima guerra mondiale fu una guerra di posizione e di logoramento, i luoghi in cui avvennero i maggiori scontri furono le trincee. Le trincee erano dei punti strategici scavati nella roccia da cui sia attaccava il nemico, in particolare nella prima guerra mondiale per l'appunto.
Esse erano strette e ammassate. Lo scopo era quello di avanzare di volta in volta per aumentare il fronte e magari per distruggere o impossessarsi di un punto strategico del nemico come ad esempio il ponte.
Durante la prima guerra mondiale i soldati furono costretti a vivere (se non morivano) in condizioni disumane, le caserme erano caotiche, non igieniche e Erano insomma luogo freddo con scarsa igiene (molti avevano i pidocchi, infatti quasi tutti erano semi-rasati o rasati totalmente).
Parlando dello spazio esterno: gli ambienti erano devastati e distrutti per far capire a cosa ha portato la guerra, ci sono corpi seminati ovunque. La prima guerra mondiale fu combattuta principalmente in alta montagna e sugli altopiani e su tre fronti: quello occidentale che si era aperto tra Francia e Germania, quello orientale che si era aperto tra Germania e Russia e quello italiano che si era aperto tra Italia e Austria. Nelle case non c’era un minimo di arredamento: solo un letto, non c’era l’acqua corrente.
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità