Questo appunto contiene un allegato
Futurismo: arte, politica, propaganda scaricato 0 volte

Futurismo: arte, politica e avanguardia


Le avanguardie in arte sono movimenti culturali che coinvolgono pittura, scultura, architettura, musica, letteratura,... Prendono piede soprattutto in Europa nel XX secolo.
Gli artisti di avanguardia vogliono cambiare lo status dell'arte, trovare la sua indipendenza dagli standard accademici e coinvolgere importanti questioni sociali e politiche nelle opere.

I futuristi, in particolare, pubblicano un primo manifesto nel 1909, nel quale annunciano la loro poetica. Le parole ricorrenti sono "velocità", "aggressività", "lotta", "distruzione", "audacia". Le opere futuriste devono avere un forte carattere di originalità e distacco nei confronti della tradizione.
Tra i più famosi futuristi italiani si possono nominare: Marinetti (poeta che utilizza la tecnica delle parole in libertà), Balla (autore di Dinamismo di un cane al guinzaglio), Carrà (autore di Funerali dell'anarchico Galli), Boccioni (autore di Forme uniche nella continuità dello spazio).
Alcuni tra loro sono anche impegnati politicamente e subiscono il fascino dell'emergente partito di Mussolini che sembra incarnare la forza, la potenza e l'aggressività delle loro performance. C'è stato una specie di connubio tra il futurismo e il fascismo tanto che quest'avanguardia è utilizzata dal regime per ogni forma di propaganda.
In Russia, la situazione è capovolta. A Mosca è il turno dei poeti futuristi di pubblicare il loro manifesto nel 1912. Tra loro c'è Mayakosky, autore de La Cimice e Mistero Buffo. Altri nomi importanti del futurismo russo sono Malevich (pittore suprematista), Klucis (regista e fotografo costruttivista), Gonchanova (autrice del Ciclista). Qui molti artisti futuristi sono al supporto prima della Rivoluzione d'ottobre e del leninismo, poi del regime stalinista.
C'è da chiedersi come mai questa avanguardia si sposi così bene con la funzione propagandistica richiesta dai regimi, pur mantenendo un suo valore artistico autonomo.
Il Futurismo, come quasi tutte le avanguardie, si spegne dopo un decennio. Anche se, tutt'oggi alcune idee futuriste sono ancora utilizzate nell'architettura, nel design, nella pubblicità
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email