Creta – Cultura


I Cretesi erano di corporatura media, slanciati, di carnagione dorata ed avevano i capelli neri. Gli uomini portavano le chiome lunghe sulle spalle; si radevano completamente il viso.
Le donne erano affascinanti, con lineamenti fini; erano elegantissime ed esperte nell’arte di adornarsi. Conoscevano cosmetici di ogni genere, dal rossetto al nero per gli occhi. In genere indossavano ampie gonne a balze di vario colore, che scendevano dalla vita sino a terra; il busto era adornato da attillati e scollati corsetti. Le più ricche portavano gioielli lavorati con arte finissima dagli abili artigiani dell’isola.
Le case di Creta erano festose e liete, adorne di pitture, stoffe vivaci, ceramiche bellissime. I servizi igienici erano perfetti.
Bellissime sono pure le ceramiche che venivano prodotte nell’antica Creta: il maggior centro della produzione di ceramiche era la città di Festo, ove gli artigiani, grazie all’abilità nell’usare il tornio da vasaio con la ruota girevole ed alla capacità di raffinare al massimo la terra occorrente per gli impasti, ottenevano ceramiche sottilissime ma dure come il metallo, che poi decoravano con fregi e figurazioni veramente eccezionali.
Per quanto riguarda la scrittura, quella dei Cretesi fu inizialmente pittografica e geroglifica, poi venne semplificata e dette vita ad una scrittura chiamata lineare A, dall’architetto inglese Michael Ventris il quale, insieme col connazionale John Chadwick (e dopo Evans) è stato il più valido studioso della scrittura minoica. Dal lineare A derivò poi una scrittura ancora più semplice, che Ventris chiamò lineare B: solo di quest’ultima scrittura si è riusciti a decifrare qualcosa.
Il lineare B è una scrittura sillabica: le figurine, infatti, indicano i suoni delle sillabe; si tratta, quindi, di una scrittura che tende a diventare fonetica. La lingua scritta nel lineare B somiglia moltissimo al greco: evidentemente, quando gli Achei si impadronirono di Creta, imposero ai Cretesi la loro lingua e i Cretesi la impararono, scrivendola poi nella loro scrittura. I pochi testi in lineare B che abbiamo decifrato non sono testi letterari, ma sono elenchi di persone, oggetti, proprietà.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email