Ominide 1161 punti

La civiltà cretese

La popolazione cretese si sviluppò sull'isola di Creta che si trova nel Mar Egeo.
Il territorio era montuoso quindi vi erano disagi nell'agricoltura ma il clima era favorevole. Vi era inoltre un alto rischio sismico.
La cronologia si basa sulla costruzione dei palazzi cretesi, il luogo in cui si svolgeva la vita quotidiana della società:
-dal 2500 al 2000 a.C., periodo prepalazziale, cioè precedente alla costruzione dei palazzi;
-dal 2000 al 1700 a.C., periodo protopalazziale, il periodo in cui cominciarono ad essere costruiti i primi palazzi;
-dal 1700 al 1400 a.C., periodo neopalazziale, in seguito ad un forte terremoto che distrusse i primi palazzi, ne furono costruiti di nuovi;
-dal 1400 al 1100 a.C., periodo postpalazziale, in cui vennero definitivamente distrutti i palazzi a causa di una catastrofe naturale e a causa di un attacco nemico.
La società era basata sul potere concentrato nelle mani del sovrano, vi era una gerarchia abbastanza libera, ma comunque vi era. I cretesi erano degli abili commercianti e pescatori, inoltre avevano molti contatti con le altre civiltà.
La città era definita "città-palazzo" proprio per l'importanza che i palazzi avevano per i Cretesi, era simile ad un labirinto e non aveva una forma precisa. Vari resti di questi palazzi vennero ritrovati tra il 1899 e il 1920.
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email