Eliminato 676 punti

Miracolo economico che tra il 1953 e il 1973 trasformò l' Italia da un paese agricolo sottosviluppato in un Paese industriale-agricolo.

Il miracolo, chiamato anche "boom" fu facilitato da una serie di elementi favorevoli specificatamente italiani, come:
- i bassi salari;
- L'intraprendenza degli imprenditori;
- L'accresciuta disponibilità di energia;
- Il passaggio dal protezionismo al liberismo;
- L'invenzione della plastica, nel 1954 da Giulio Natta;
L' Italia si specializzò nella produzione di beni durevoli e conquistò il mondo.

Crescita nel Nord industrializzato e crollo del Sud contadino.

Anche in questo caso giocarono un elemento italiano e un elemento internazionale. I governi non capirono quanto stava avvenendo e non ne previdero gli esiti. Il settore privato si espandeva a dismisura, mentre il settore pubblico rimaneva sempre più indietro per una drammatica carenza di scuole, ospedali, abitazioni, trasporti. La società italiana si lanciò in una corsa al benessere centrata sui consumi superflui e rassegnandosi a rinunciare a servizi pubblici vitali.

I contadini meridionali reagirono con una poderosa emigrazione interna, spostandosi verso le grandi città del nord e del centro. Tra il 1955 e il 1971 quasi 9.150.000 persone si trasferirono a Milano, Torino e in parte a Roma.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email