Ominide 646 punti

Luigi Napoleone Bonaparte

Nel giugno 1848 borghesia e proletariato insorsero una contro l’altra. A fronte di ciò il governo decise di dare pieni poteri al ministro della guerra e dopo appena tre giorni la rivolta venne soffocata nel sangue.
Risolto tale problema, fu approvata una nuova costituzione che manteneva il suffragio universale e che prevedeva un’Assemblea legislativa composta da 750 membri ed un Presidente della Repubblica eletto ogni 4 anni, che ricopriva anche il ruolo di capo del governo. Nel Dicembre 1848 venne eletto presidente Luigi Napoleone Bonaparte, che mise subito in atto una politica prettamente conservativa. Di lì a poco l’assemblea legislativa venne costretta a prendere i primi provvedimenti per abolire il suffragio universale.

Il Secondo Impero di Napoleone III

Luigi Napoleone Bonaparte prese il potere con un colpo di Stato ed il 2 Dicembre 1851 fece occupare dall’esercito la sede dell’Assemblea Nazionale e fece affiggere manifesti sui quali dichiarava decaduta ufficialmente l’Assemblea e ristabiliva il suffragio universale. Vennero poi indetti due plebisciti:

- nel primo si fece eleggere Presidente della Repubblica per una durata pari a 10 anni;
- Nel secondo del 1852 si fece proclamare imperatore con il nome di Napoleone III.
Nacque così il secondo impero che durò ben 19 anni. Venne fin da subito considerato un traditore, principalmente dai democratici, che vedevano come unico risultato politico positivo il fatto di essere l’unico Paese al mondo con il suffragio universale.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email