pser di pser
Ominide 5819 punti

IL TRASFORMISMO

La principale caratteristica del governo di Depretis è il trasformismo, un termine abbastanza negativo che indica un modo, una pratica di fare politica che non persegue una linea netta, chiara e distinta, ma è soggetta ad oscillazioni e cambi di orientamento politico. Tale pratica di governo fu utilizzata per gestire i rapporti di potere all’interno del parlamento ed era connessa al fatto che la destra e la sinistra non potevano essere definiti come dei partiti ma come degli schieramenti in cui ogni singolo deputato era libero di muoversi a suo piacimento. Un esempio pratico per spiegare il comportamento dei deputati può essere quello della statalizzazione delle ferrovie: le ferrovie erano state concesse ai privati che ricevevano una concessione che durava un tot di anni e nel momento in cui essi prendevano i soldi dallo stato facevano opere per migliorare la qualità, il servizio, o per ampliare le linee ferroviarie ma, quando si giungeva quasi al termine della concessione, il privato non faceva nulla per migliorare le ferrovie perché da una parte non era sicuro che gli fosse rinnovata la concessione e dall’altra ciò che avrebbe fatto per migliorare le ferrovie sarebbe stato un vero e proprio regalo a coloro che avrebbero ricevuto la concessione dopo.

Quindi la qualità delle ferrovie si manteneva bassa e gli appaltatori delle ferrovie solo all’inizio manifestavano di voler migliorare il servizio ma in realtà non facevano nulla e per la nazionalizzazione occorrevano molti soldi perché da allora lo stato si sarebbe dovuto occupare di ogni cosa. Su tale questione pratica, in cui non vi erano degli orientamenti schierati, vi potevano essere dei rappresentanti di peso della maggioranza che invitavano i deputati dello schieramento opposto a votare il loro provvedimento attraverso delle proposte allettanti, come la nomina ad una carica pubblica o un infrastruttura sul territorio d’origine del deputato: in sostanza degli scambi di favori e con la formazione di un gruppo di deputati che votavano ora in uno schieramento ora in un altro andando a creare una maggioranza con un consenso parlamentare ampio.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email