Ominide 128 punti

Stati Uniti d'America - Tra 1700 e 1800

George Washington restò in carica fino al 1797, quando gli succedette il federalista John Adams (1797-1801). In questi primi anni ci fu uno straordinario sviluppo economico che trovò impulso nell'attivismo della presidenza federale. La necessità di stabilizzare l'economia dopo la guerra spinse il governo ad una politica d'interventismo economico che si tradusse nel dare spinta alle industrie manifatturiere e cantieristiche, il tutto seguendo una politica finanziaria impostata dal Governo Centrale. In questo periodo, esso con una mossa saggia decise di assumersi tutti i debiti di guerra che i singoli Stati avevano contratto e di imporre dazi piuttosto rilevanti sulle merci per saldare il debito pubblico. Tale operazione fu accompagnata dalla fondazione, nel 1791, della Banca Centrale Statunitense e, nel 1792, della Borsa di New York (Wall Street), per mettere in atto un efficace controllo sulla politica monetaria del Paese.

Tuttavia, l'interventismo e l'accentramento non accontentarono tutti, soprattutto in diversi strati della popolazione, che trovando però come suo garante il Partito Repubblicano. Tali ceti erano specialmente quello dei piantatori degli Stati meridionali, i grandi latifondisti, che non volevano che ci fosse un decentramento. I piccoli artigiani delle città settentrionali invece chiedevano maggiore democrazia, essendo molto irritati dai tanti privilegi delle elite federaliste, le quali avevano grossi monopoli economici.
Ci fu un notevole incremento demografico, di conseguenza crebbero gli Stati dell'Unione, anche perché fu indetta la legge secondo cui uno Stato poteva costituirsi quando avesse raggiunto i 60.000 abitanti: nel 1791 si costituì il Vermont, nel 1792 il Kentucky, nel 1796 il Tennessee, nel 1802 l'Ohio. Nel 1801 divenne presidente un esponente repubblicano, Thomas Jefferson, a cui succedette un altro repubblicano, James Madison (1809-1817).
In questi anni gli USA instaurarono commerci con la Francia napoleonica: la Gran Bretagna allora volle ostacolarli con azioni militari di pirateria. Nel 1812 ciò portò ad una guerra tra USA e UK, in cui i primi tentarono (invano) di conquistare il Canada. La guerra si concluse, con un nulla di fatto, nel 1814.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email