Video appunto: Russia dell’Ottocento

Russia dell’Ottocento



Come è stato caratterizzato l'arretratezza della Russia nell'Ottocento? Quali erano le condizioni dei contadini? Quali eventi contribuirono all'abolizione, nel 1861, della servitù della gleba? Quali riforme introdussero lo zar Alessandro II?
Fu una situazione economica e organizzativa fragile, prima ancora che militare.
L'Impero russo era il più grande stato e il più popoloso del mondo, ma era carico di un pesante arretrato in tutti i campi. L'economia era quasi esclusivamente agricola, e il 90% della popolazione viveva in campagna.

La Russia dominava ancora la servitù della gleba. Erano per sempre legati alla terra e come questa poteva essere venduta e ipotecata; dal punto di vista legale, erano soggetti alla giustizia del Signore. Tra molti intellettuali e statisti venne l'idea che la servitù fosse la causa principale dell'arretratezza della Russia. Tra i molti dubbi e resistenze, fu infine abolita dallo zar Alessandro II nel 1861 all'inizio del suo regno Alessandro II seguì una linea di riforma, altre misure importanti lo furono:
- La riduzione del servizio militare (che fu un pareggio) da 25 a 16 anni, e 6 anni dopo
- Facilitare la censura della stampa
- La creazione di assemblee provinciali e comunali elette, in cui la nobiltà aveva un ruolo dominante
- La riforma del sistema giudiziario, che ha unificato i tribunali per tutti i cittadini