dins di dins
Habilis 576 punti

Roosevelt e Il New Deal

Nel suo discorso inaugurale il nuovo presidente propose al popolo degli Usa, un New Deal ‘nuovo patto’; occorreva abbandonare il liberismo dei governi repubblicani e impegnare lo stato in una lotta contro la disoccupazione. I primi cento giorni di presidenza erano cruciali per dare forza e contenuti al messaggio lanciato al paese. I provvedimenti più urgenti furono la svalutazione del dollaro e il riordino della circolazione monetaria per controllare l’inflazione. Venne creata una società pubblica per le garanzie assicurative dei piccoli risparmiatori, approvata una legge per l’agricoltura per regolare la produzione ed evitare gli eccessi. Nel ’33 con una legge ‘National Industrial Recovery act’ ; venne creata un agenzia governativa preposta alla politica industriale, i cui compiti andavano dalla definizione di nuove norme in materia di conflitti sindacali, allo stilare dei codici di comportamento per una concorrenza ‘leale’ tra le imprese. In vista della scadenza del mandato presidenziale, Roosevelt accelerò la realizzazione del suo programma; con tre importanti provvedimenti nel ’35(secondo New Deal). Il primo provvedimento 1) fu la costruzione di un ente governativo per il coordinamento di un piano sistematico di opere pubbliche(WPA che spese tra il 35-41 11 miliardi di dollari, dando lavoro a 8 milioni di persone). 2) il secondo fu il ‘Wagner Act’ che rispose al veto della Corte Suprema ‘National Industrial Recovery act’, difendendo la libertà delle organizzazioni sindacali, stabilendone i criteri di rappresentanza, legittimandone il ruolo istituzionale nella contrattazione collettiva dei rapporti di lavoro. 3) il terzo fu il Social Security Act , che stabilì un regime di collaborazione tra autorità federale e singoli stati per costruire fondi per anziani, disoccupati, invalidi. Dopo la conferma del proprio mandato(nel ’36 con il 60% dei consensi) la strada non fu in discesa. Si avviò una politica di contenimento della spesa per ridurre il deficit di bilancio, in notevole aumento. Nel ’37 una nuova congiuntura recessiva riportò la disoccupazione a 10 milioni, e fece crescere l’opposizione repubblicana (nel ’38). Nel gennaio del 1939 Roosevelt chiese al Congresso un significativo aumento delle spese militari: per riassorbire la disoccupazione e potenziare l’industria bellica(necessità impellente visto il precipitare della situazione internazionale).

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email